Esteri

Tutti i perché della guerra in Siria

Sette anni di un conflitto che, attraversando varie fasi, si è trasformato in una guerra totale che coinvolge le principali potenze mondiali

Jobar

Luciano Lombardi

-

Il casus belli, come in tante situazioni omologhe, è stato una rivolta popolare, poi degenerata. Quanto sia stata reale o quanto creata ad hoc da qualche forza esterna motivata da interessi economico-territoriali probabilmente non lo sapremo mai. Fatto sta che, a sette anni dal suo inizio, il conflitto ha conosciuto varie fasi e la sua intensità, ancora oggi, non accenna a diminuire.

I numeri

- 7: gli anni del conflitto, ad oggi
14,9 milioni sono le persone bisognose di assistenza umanitaria
13,1 milioni le persone che, nel corso di quest'anno, richiederanno una qualche forma di aiuto umanitario
- 6,3 milioni gli sfollati (di cui 2,8 milioni di minori)
- 5 milioni e oltre di rifugiati siriani nei Paesi limitrofi
353.900 le vittime totali (marzo 2018)
- 106.000 le vittime civili
- 100.000 le morti non documentate
- 56.900 le persone disperse
- 1,5 milioni le persone con disabilità permanenti
- 86.000 le persone che hanno perso gli arti
- 492 gli attacchi contro 330 strutture mediche
- 847 le vittime tra il personale medico
- 100, almeno, i missili lanciati su Damasco e Homs dagli Stati Uniti e i suoi alleato

 

I prodromi

Disoccupazione, corruzione, limitazioni della libertà erano ben presenti e diffuse in tutto il Paese ben prima che il conflitto avesse inizio. La condizione era assimilabile al malcontento di molti altri Paesi accomunati dalle insegne della Primavera Araba agli inizi di questo decennio.

Nel marzo del 2011, nella parte meridionale del Paese esplosero i primi episodi di piazza, con gli scontri tra i manifestati che chiedevano più democrazia e migliori condizioni di vita e le milizie governative inviate dal presidente Bashar al-Assad, succeduto al padre Hafez nel 2000.

L'uso della forza per reprimere la rivolta fece estendere le proteste in tutto il Paese che poi culminarono con la richiesta di dimissioni del Presidente. Nel frattempo, i sostenitori dell'opposizione cominciarono a organizzarsi dando vita a un vero e proprio esercito di ribelli.

Da qui alla guerra civile il passo è stato breve.

mappa-forze-armate-siria stati uniti russia iran

La mappa (del New York Times) con gli schieramenti di forze armate in Siria da parte di Stati Uniti, Russia e Iran, aprile 2018 – Credits: New York Times

La seconda fase del conflitto: le istanze religiose

Nel giro di breve, da "locale", la guerriglia si è estesa fino ad assumere, al suo interno, anche i caratteri del conflitto di religione, con la maggioranza musulmana sunnita opposta alla setta alawita vicina al presidente Bashar al-Assad.

Tale contesto ha rappresentato un terreno fertile per l'entrata in campo dei gruppi jihadisti, sia quelli dello Stato Islamico che di al-Qaeda.

Sono gli anni in cui il terrorismo guidato dalle due organizzazioni cresce e prospera in tutto il mondo, aggiungendo una variabile che spinge diversi Paesi, dell'area e del resto del mondo, a partecipare - a vario titolo - nel conflitto. 

I protagonisti della terza fase del conflitto

Russia

Interessato a coltivare una presenza indiretta nell'area (dove possiede diverse basi militari) mediante un patto di alleanza con il governo siriano, Putin ha lanciato un'escalation al suo sostegno ad Assad nel 2015, con una campagna aerea che si è rivelata cruciale nel trasformare le sorti della guerra a favore del governo.

Ufficialmente, l'impegno del Paese è stato fin da principio rivolto esclusivamente alle forze "guidate dai terroristi", ma in realtà diverse organizzazioni umanitarie sostengono che gli attacchi hanno avuto come obiettivo anche i ribelli e i civili.

La presenza bellica della Russia nell'area ha subito un'interruzione nel dicembre dello scorso anno, in occasione dell'ordine di ritiro delle forze russe dal territorio siriano. "La guerra in Siria è finita", dichiarò Putin nella circostanza.

Per la stragrande maggioranza degli esperti di geopolitica, finora la Russia è il Paese che ha ottenuto i maggior vantaggi da un conflitto, che le ha concesso di potersi muovere da superpotenza in una regione così strategica sotto molti punti di vista, ma anche molto incerta per quanto riguarda i suoi futuri assetti e la cui evoluzione dipende in larga parte da come il leader russo riuscirà ad arginare l'asse Washington-Riad-Tel Aviv, che oggi ha ripreso sostanza.

Stati Uniti

Insieme a una coalizione che ha coinvolto anche diversi Paesi occidentali - Regno Unito e Francia in testa - gli Usa, nel tempo, hanno garantito vari gradi di supporto alle forze ribelli avverse al regime di Assad che, proprio nei giorni precedenti al momento in cui scriviamo, ha definito "un animale" per aver lanciato l’ennesimo attacco chimico contro la popolazione civile, ordinando poi l'invio di un cacciatorpediniere al largo delle coste siriane e minacciando un attacco militare al regime di Damasco.

Per molti analisti, l'interesse di Trump ad avere un ruolo nell'area non è tanto legato alla situazione politica siriana in sé o alla necessità di arginare il terrorismo quanto piuttosto a sottolineare la presenza simbolica degli Stati Uniti in risposta alle mire espansionistiche di Putin, con il quale i rapporti sono ultimamente sempre più tesi.

Iran e Arabia Saudita

Fin dai primi momenti della terza fase conflittuale, l'Iran ha speso miliardi di dollari e schierato migliaia di miliziani sciiti per aiutare l'offensiva governativa. Tale condizione ha avuto una svolta nel 2015 quando l'attenuazione dell'embargo conseguente all'accordo sul nucleare ha consentito a Teheran di aumentare ulteriormente il suo impegno.

Al centro della strategia di intervento iraniano c'è principalmente l'intento di affermare la propria influenza (sciita) in chiave anti Arabia Saudita (acerrima nemica degli ayatollah sciiti) che invece da tempo finanzia in modo più o meno esplicito le forze sunnite. In ballo ci sono principalmente enormi interessi economico-finanziari legati allo sfruttamento delle risorse naturali della zona.

La Turchia e il popolo curdo

Del tutto peculiare il suo caso: il Paese che fa da cerniera tra l'Europa e il Medio Oriente è in Siria con lo scopo principale di riuscire a debellare definitivamente il movimento indipendentista curdo, storicamente presente sul territorio siriano. Il suo timore, da sempre, è che la creazione di uno Stato curdo possa rappresentare un pericolo per la sua stabilità nazionale.  

Va considerata, poi, anche tutta la serie di interessi economici legati allo scenario energetico in un'area in cui la Turchia ha una posizione di primo piano per il transito di gas e combustibili destinati all'Europa.

Senza contare, infine, che il 20% della popolazione turca è di fede alevita e, al suo interno, c’è una componente araba che appartiene alla stessa confessione del presidente Bashar Al Assad e di una buona parte dei quadri dirigenti del regime siriano.

L'avanzata delle truppe di Erdogan ha raggiunto il culmine ai primi di quest'anno con l'operazione Ramoscello d'Ulivo, contro l'enclave curda di Afrin nel nordovest siriano, conquistata dopo due mesi di offensiva. Nell'intento del leader turco c'è il prosieguo dell'avanzata verso Tal Rifat e poi verso Manbij.

Israele

Quella voluta in Siria dal primo ministro Natanyahu è una guerra nella guerra, indirizzata soprattutto verso Hezbollah, il gruppo sciita libanese nato proprio in funzione anti-israeliana ma da tempo molto attivo in Siria a sostegno del regime di Bashar al-Assad, appoggiato - peraltro - anche da altri suoi "nemici", cioè l'Iran e le milizie sciiti vicine a quest'ultimo.

raid Usa in Siria 14 aprile 2018

mappa della Siria a cura della Bbc con i luoghi colpiti dal raid di Usa, Uk e Francia, 14 aprile 2018 – Credits: BBC

Il blitz dell'Occidente

Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno attaccato la Siria con un'operazione mirata a colpire alcuni obiettivi, tra le città di Damasco e di Homs. Immediata la replica di Mosca, che ha subito avvertito che l'azione degli Usa e dei suoi alleati non resterà senza conseguenze.

Ancora una volta, a subire gli effetti di questo braccio di ferro tra le superpotenze, saranno i civili.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Siria, perché Assad il sanguinario è ancora il minore dei mali 

Togliere di mezzo il dittatore produrrebbe ancora più conflitti e atrocità e il nuovo scenario rischierebbe di innescare una guerra fra Israele e Iran

Siria, Ghouta: attacco chimico su Duma. Cosa sappiamo finora

Damasco avrebbe sganciato una bomba al cloro. Almeno 70 morti e 500 persone intossicate. Trump pronto a lanciare missili

Douma, Siria: voci dei sopravvissuti all'attacco chimico

Scene mai viste, padri disperati, medici allo stremo. Parlano i civili nella città siriana al centro di una nuova ondata di violenze

La spartizione della Siria fra Russia, Turchia e Iran (e Assad)

Erdogan accetta che il presidente siriano resti alla guida del Paese, in cambio del via libera contro i curdi. Ecco cosa è stato deciso

Siria: offensiva contro Hajin, ultima roccaforte dell'Isis- Foto

Le forze curdo-siriane sostenute dagli Usa hanno lanciato un'operazione contro la sacca di resistenza jihadista al confine con l'Iraq

Guerra in Siria: da Ghouta a Idlib, la strage dei bambini - Foto

Sotto le bombe, malnutriti, senza accesso ai farmaci, i più piccoli sono le prime vittime innocenti di un conflitto senza fine

Commenti