Esteri

Turchia: ritirata la legge sul "perdono" degli stupratori

La controversa norma prevedeva che la sentenza di stupro fosse cancellata se l'autore della violenza avesse sposato la vittima

turchia-golpe

Redazione

-

Il partito di maggioranza in Turchia, Giustizia e Sviluppo, Akp, ha deciso di ritirare il controverso disegno di legge che avrebbe permesso di cancellare sentenze per abusi sessuali passate in giudicato, nel caso l'autore della violenza avesse sposato la vittima.

A darne l'annuncio il premier Binali Yildirim, che ha spiegato che una commissione parlamentare apposita discuterà un disegno di legge alternativo, altrimenti saranno Ong, operatori del settore e psicologi ad occuparsene.

La decisione è stata presa dopo che lo stesso presidente Recep Tayyip Erdogan, aveva auspicato che la legge fosse approvata "con il più ampio consenso possibile".

Il disegno di legge era stato votato lo scorso venerdi dal Parlamento di Ankara con un solo voto di scarto, senza quindi ottenere una maggioranza sufficiente. Secondo Yildirim, il ritiro del testo darà ai partitio di opposizione "il tempo necessario a sviluppare le proprie proposte".

Nel fine settimana, la proposta aveva scatenato le proteste sia sui social media, che per le strade in diverse città del Paese.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Non si ferma la repressione in Turchia

Sono già 80 mila i dipendenti pubblici licenziati dopo il fallito golpe di luglio

Turchia: in programma la costruzione di 174 nuove carceri in 5 anni

Il ministero della Giustizia di Ankara fa sapere che i posti per i detenuti arriveranno a quota 100.182

Turchia, al bando Puffi e Spongebob: "pericolosi" per il Paese

Dopo i Simpson e Peppa Pig, ora tocca ad Ankara bandire gli omini blu e la spugna sottomarina

Turchia: arrestati i deputati del partito filo curdo

Continuano le repressioni di Erdogan dopo il fallito golpe dell'estate scorsa: in cella 11 politici. Immediata la reazione: un attentato a Diyarbakir

Commenti