Esteri

Gigantesco blackout in Turchia: cyber-terroristi in azione?

Il governo di Ankara non esclude alcuna causa per l'eccezionale assenza di energia elettrica che sta paralizzando il Paese

istanbul_blackout

Redazione

-

Ben 44 province paralizzate o quasi dall'assenza di energia elettrica, con fortissimi disagi anche e soprattutto ad Ankara e Istanbul, dove non funzionano tram e metro: davvero eccezionale il blackout che ha colpito la Turchia e che il primo ministro turco Ahmet Davutoglu non ha escluso possa dipendere da un attacco terroristico.

Anche il ministro all'Energia Taner Yildiz ha ventilato l'ipotesi di un attacco, forse anche "cibernetico", da parte di techno-terroristi: "Si è trattato di un errore umano, un disguido tecnico o di un attacco telematico? Stiamo seguendo gli eventi con grande attenzione", ha dichiarato ai media Yildiz, che ha poi aggiunto che l'elettricità è stata ripristinata in alcune zone del Paese.

Alla base del più massiccio blackout che abbia interessato la Turchia negli ultimi 15 anni, con un pesante blocco della produzione industriale e conseguenti danni all'economia, potrebbe però anche esserci "solamente" un problema tecnico nei sistemi della Teias, la compagnia nazionale di distribuzione dell'elettricità.

© Riproduzione Riservata

Commenti