Esteri

Trump vs Messico: nuovo round?

Secondo i media Usa il presidente Usa avrebbe minacciato l'invio di truppe contro i "bad hombres", ma il governo messicano smentisce. E con l'Australia...

trump_nieto

Redazione

-

Il governo messicano smentisce le indiscrezioni di stampa sul fatto che il presidente Donald Trump avrbbe minacciato l'invio di truppe al confine per combattere i "bad hombres", gli uomini cattivi, presumibilmente riferendosi ai cartelli della droga.

L'avvertimento sarebbe stato al centro di un telefonata tra Trump e il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, che ha invece descritto come "costruttivo" il colloquio. "Avete un sacco di uomini cattivi laggiù. Non state facendo abbastanza per fermarli. Penso che i vostri militari siano spaventati. I nostri non lo sono e quindi potrei inviarli per occuparsene", avrebbe detto Trump a Pena Nieto, secondo quanto riportano i media Usa.

"E' "un'assoluta falsita'" fatta "con un'evidente cattiva intenzione" è stata la replica via Twitter del ministero degli Esteri di Città del Messico. Il Messico ha catturato diversi signori della droga, anche estradandoli negli Stati Uniti, come il noto narcotrafficante Joaquin "El Chapo" Guzman che in America rischia la pena di morte.

Contro l'Australia sui rifugiati
Scintille al telefono tra il presidente Donald Trump e il primo ministro australiano, Malcom Turnbull, sui rifugiati. Stando a quanto riporta il Washington Post, Trump ha accusato il leader alleato di voler esportare negli Usa "il prossimo attentatore di Boston", e ha definito la telefonata "la peggiore fino a questo momento", tagliando corto in 25 minuti quando era stata organizzata una conversazione di un'ora.

Turnbull, che ha preferito non commentare l'indiscrezione indicando l'importanza di un colloquio "privato", oltre che "candido e franco", avrebbe detto di aspettarsi dagli Usa il rispetto dell'accorso siglato con l'amministrazione di Barack Obama sull'accoglienza in America di 1.250 rifugiati al momento detenuti nelle carceri australiane. "E' la peggiore intesa di sempre", avrebbe attaccato Trump.

L'accordo riguarderebbe anche rifugiati provenienti dai sette Paesi a maggioranza islamica oggetto del bando deciso da Trump. Fonti diplomatiche riferiscono che a dispetto dell'ostile colloquio, l'accordo con il governo australiano per il momento resta in piedi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Trump ferma i rifugiati e chiude l'America

Ordine esecutivo che sospende l'ingresso dei rifugiati negli Usa per 120 giorni, indefinitamente per chi arriva dalla Siria. Attacco ai valori americani liberali. Dall'Iran al NyT, dal mondo della cultura alle università l'ondata di proteste. Attacco dall'alto commissariato per i diritti umani: viola le leggi ed è meschino

Trump e l'immigrazione: crisi istituzionale negli Stati Uniti

Il presidente caccia il procuratore generale ad interim che aveva invitato gli avvocati del ministero della giustizia a non difendere il bando all'ingresso da sette paesi a maggioranza musulmana. Le critiche di Obama. Resistenze al Dipartimento di Stato

Immigration ban: perché Trump ha scelto proprio quei 7 Paesi

Perché il presidente ha chiuso le porte a Iran, Iraq, Yemen, Siria, Libia, Somalia, Sudan e non ad Arabia saudita ed Egitto

La Siria e il significato delle “safe zone” di Trump

Il neopresidente ha sparigliato le carte, lanciando l’idea di aree sicure per i profughi. Ma il disegno potrebbe celare altro

Usa: Trump licenzia il ministro della Giustizia Sally Yates

Così Trump vuole spaccare l'Unione Europea

A dettare la linea lo chief strategist Steve Bannon, la vera mente del Trump-pensiero. Obiettivo: rafforzare l'asse con Vladimir Putin

Donald Trump, l'ideologo (e non solo) del "sovranismo" mondiale

Nasce in Europa, sbarca negli Usa e rimbalza nuovamente nel Vecchio Continente: un neologismo di cui sentiremo parlare parecchio nel corso dei prossimi anni

Usa: chi è il giudice Gorsuch, nominato da Trump alla Corte Suprema

49 anni, è uomo di legge dalle idee fortemente conservatrici, anche in campo religioso. In Senato sarà battaglia per la ratifica

Commenti