Esteri

Trump torna ad attaccare i media: "Disonesti su Charlottesville"

New York Times, Washington Post, Cnn: ancora una volta nel mirino del presidente Usa che li accusa di produrre soltanto fake news

Donald Trump

Redazione

-

Con un comizio lungo un'ora e 16 minuti a Phoenix, in Arizona, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbandona i toni composti del discorso alla nazione in cui ha annunciato l'impegno americano in Afghanistan nelle scorse ore e torna a quelli più accesi cui ha abituato fin dalla campagna elettorale, ripercorrendo uno per uno i suoi cavalli di battaglia, dalla difesa dell'articolo due della costituzione, alla eliminazione del Nafta, fino al muro con il Messico.

Ma è sull'attacco ai media che torna con particolare vigore, accusando i "produttori" di fake news di essere "disonesti", mancando di riferire con precisione la sue parole, e di dividere il Paese; il riferimento è, in particolare, alla sua reazione ai fatti di Charlottesville.

"I media? Fanno solo fake news"

Li cita a più riprese: il New York Times, il Washington Post, la Cnn. "Ho condannato i neonazisti, i suprematisti bianchi e il KKK ma i media non lo hanno riportato", ha detto il presidente Trump. "Se volete scoprire la fonte delle divisioni nel nostro Paese non guardate che ai media che danno fake news", ha aggiunto.

"A proposito - ha continuato - stanno tentando di portarci via la nostra storia e la nostra cultura, lo vedete". Quindi ha garantito ai suoi sostenitori: "I media possono attaccare me, ma pongo il limite quando attaccano voi".

E' il primo comizio dopo i fatti di Charlottesville, organizzato sullo stile della campagna elettorale e nell'ambito della campagna per la rielezione del 2020. Ed è stato uno dei discorsi più lunghi pronunciati dal presidente, concluso promettendo al suo popolo "il futuro appartiene a noi".

Trump a Phoenix ha voluto esserci nonostante le tensioni nel clima surriscaldato dopo Charlottesville e nonostante l'invito esplicito del sindaco della città dell' Arizona, il democratico Greg Stranton, a rinviare l'evento nel timore di proteste e di scontri.

In migliaia in piazza

I manifestanti sono infatti arrivati, a migliaia secondo alcune stime. Hanno attraversato la città per fare da "controcanto" ai sostenitori di Trump in fila per entrare al Convention Center ad ascoltare il presidente.

Una arena da 19 mila posti che è rimasta però in parte vuota, stando alle prime indicazioni date in serata.

La situazione è rimasta comunque per la gran parte pacifica: all'esterno del Convention Center il primo "scambio" di slogan e cori tra gruppi pro e anti Trump con la Polizia che aveva formato una fila di agenti lungo la strada per tenere separati i due "fronti".

Momenti di tensione e tafferugli si sono verificati invece alla fine del comizio, quando vi è stato anche un lancio di bottiglie e la Polizia è intervenuta usando lacrimogeni per disperdere la folla.


Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Trump e i media, l'escalation di un conflitto insanabile

Il presidente si sente accerchiato e attaccato e reagisce a colpi di tweet e di prese di posizione clamorose

Trump, nuovo attacco ai media: in un video "picchia" la Cnn

La risposta del network: "Noi continueremo a fare il nostro lavoro. Lui dovrebbe cominciare a fare il suo"

Charlottesville: dai Bush alla May, tutte le condanne contro i suprematisti bianchi

Da sinistra a destra, negli Stati Uniti e nel mondo, i leader politici si smarcano dalle dichiarazioni controverse di Trump

Charlottesville, il comportamento ambiguo di Trump e la reazione repubblicana

In un balletto di dichiarazioni, il presidente statunitense prima condanna razzismo e suprematisti bianchi, poi ritratta. Suscitando una bufera, anche nel suo partito

Usa, cortei contro le violenze di Charlottesville e il silenzio di Trump - Foto

Da New York a Seattle, proteste contro l'odio razziale e i suprematisti bianchi. Rabbia contro il presidente, accusato di non condannare esplicitamente l'estrema destra

Commenti