Esteri

Trump riceve Theresa May: visioni del mondo a confronto

La Gran Bretagna dopo Brexit ha ancora più necessità dell'alleato atlantico, ma il neoprotezionismo di Washington fa a pugni con il "free-trade" di Londra

Theresa May Brexit speech

Luigi Gavazzi

-

Theresa May, primo ministro britannico è a Washingtoni per incontrare Donald Trump.

Il premier inglese, fresco di affermazione della linea estrema per la Brexit, ha bisogno di allacciare un rapporto privilegiato con gli Stati Uniti, dopo la scelta di tagliare i ponti con i partner europei. E, spavalda, manda a dire a Trump che "insieme possiamo governare il mondo".

Nuova forza all’asse Londra-Washington, dunque?

La questione è più complicata.
Londra e Washington dalla seconda guerra mondiale in poi hanno avuto un rapporto privilegiato, all’insegna dell’apertura dei mercati, dell’atlantismo, della difesa comune degli "interessi occidentali" e dell'assetto politico liberaldemocratico.
Argomenti che però contrastano con quelli strombazzati da Trump in campagna elettorale e nei primi giorni di mandato. 

È assai probabile che per Trump l'incontro con May e la "rinnovata alleanza" con la Gran Bretagna sarà soprattutto in funzione anti Unione Europea. Vedremo venerdì e soprattutto nei giorni successivi in che termini, e se darà effettivamente vita a una partnership privilegiata con il Regno Unito.

È abbastanza chiaro che per May sarà fondamentale portare a casa un trattato (o una promessa di trattato) di libero scambio bilaterale fra Gran Bretagna e Stati Uniti. Che però deve trovare spazio fra i punti di vista opposti: Trump è stato eletto perché vuole il protezionismo. Sintetizzato nel ripetuto continuamente: “America first”. Mentre la visione di Londra non può che essere quella di un libero commercio planetario, come indicato esplicitamente da May nel discorso di “Hard Brexit”.

Georgia O'Keeffe industria citta'

Georgia O'Keeffe, East River from the Thirtieth Story of the Shelton Hotel - 1928 – Credits: WikiArt

La stampa britannica sostiene che May e i suoi cercheranno di evidenziare soprattutto le convergenze del governo conservatore con quello di Trump in politica estera, per affermare l'idea della partnership privilegiata. 
In particolare, sulla questione Israele-Palestina, per la quale Londra si sta smarcando dal resto d’Europa, come ha dimostrato la recente conferenza di Parigi, anche se prima di Natale aveva appoggiato la risoluzione dell’Onu che condannava gli insediamenti. E ufficialmente il governo May è ancora per la soluzione dei “due Stati”.

Il rapporto con Putin e l’accordo nucleare con l’Iran potrebbero essere punti delicati e di potenziale divergenza. Inoltre, per il conflitto siriano, Londra ha sempre sostenuto la necessità che Assad si tolga di mezzo, posizione ammorbidita nelle ultime settimane, causa soprattutto la real-politik suggerita dal successo dell’alleanza del dittatore di Damasco con Putin e del coinvolgimento della Turchia.

Anche sui propositi di usare la tortura per interrogare i presunti terroristi, May ha apertamente espresso la sua contrarietà rispetto alle prese di posizione di queste ore da parte del presidente americano.

Infine, ci sono le culture diverse di Trump e May e gli stili personale opposti. Per dirla in breve: è Nigel Farage il politico che Trump troverebbe più affine, non l'austera e politically correct May.

Come nota il Guardian, sarà comunque una visita nella quale la premier britannica cercherà soprattutto di capire l’orientamento dell’amministrazione Trump, nella quale porrà alcune domande, ma soprattutto nella quale non sarà per ora nelle condizioni di chiedere cambi di rotta al neo-presidente, né tanto meno porre condizioni. Se per esempio Trump dovesse esporsi sulla necessità di cancellare le sanzioni a Putin, difficilmente Theresa May, sempre più isolata in Europa, sarebbe in grado di opporsi esplicitamente.

© Riproduzione Riservata

Commenti