Esteri

Quando Trump voleva invadere il Venezuela

Un anno fa il presidente statunitense ha più volte proposto ai suoi consiglieri un intervento militare. Invano. Ecco come sono andate le cose

Caracas

Redazione

-

Donald Trump giustiziere contro le dittature. A modo suo. Più di una volta il presidente degli Stati Uniti avrebbe infatti pensato di invadere il Venezuela, contro il regime del presidente Nicolas Maduro. A dissuarderlo, in più di un'occasione, i suoi consiglieri.

Quando Trump voleva invadere il Venezuela

L'amministrazione Trump ha definito il Venezuela una dittatura di sinistra corrotta
Nell'agosto del 2017, durante un incontro nello Studio ovale sulle sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto al Venezuela ricco di petrolio, 
Trump avrebbe chiesto ai propri consiglieri di politica estera la possibilità di un intervento militare. A rivelarlo ora è stato un funzionario senior dell'amministrazione Usa, che ha voluto restare anonimo.

Gli allora presenti sarebbero rimasti di stucco. Tra questi anche l'ex segretario di Stato americano Rex Tillerson e l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, il generale H.R. McMaster, tutti e due successivamente rimossi dai loro incarichi. 

McMaster e altri, in un confronto durato circa cinque minuti, avrebbero spiegato al numero uno della Casa Bianca che un'azione militare in Venezuela avrebbe potuto essere un boomerang contro Trump, che avrebbe rischiato di perdere il sostegno duramente conquistato dai governi latinoamericani. 

Trump voleva coinvolgere gli alleati latinoamericani

Poco dopo questa prima conversazione, Trump avrebbe sollevato nuovamente il tema dell'opzione militare con il presidente colombiano Juan Manuel Santos. Due funzionari colombiani di alto rango hanno confermato che la conversazione c'è stata.

Inoltre, a settembre 2017, a margine dell'Assemblea Generale Onu, Trump ne ha discusso nuovamente, questa volta in modo più approfondito, in una cena privata con i leader di quattro Paesi alleati dell'America Latina, compreso Santos.

La reazione di Maduro

Di fronte alla notizia della volontà di Trump di invadere il Venezuala un anno fa, il presidente Maduro ha esortato le sue forze armate a stare in guardia: "Non puoi abbassare la guardia neanche per un secondo, perché difenderemo il più grande diritto che la nostra patria ha avuto in tutta la sua storia, che è vivere in pace", ha detto il 4 luglio durante una cerimonia militare.

Maduro ha affermato che la richiesta di Trump ai suoi consiglieri è arrivata dopo che membri dell'opposizione venezuelana hanno fatto visita alla Casa Bianca. "È una coincidenza?" No, non è una coincidenza", è stata la sua domanda retorica.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Venezuela: l’inflazione supera il 27,000%. Cosa potrà accadere in futuro

I conti fuori controllo di Caracas e le sanzioni americane favoriscono la sfera di influenza cinese

Petro: perché il Venezuela non può salvarsi con una criptovaluta

Disponibile da oggi la moneta virtuale voluta da Maduro per aggirare le sanzioni Usa. Ma con cui non riuscirà a risollevare le sorti del Paese

Anche Venezuela, Corea del Nord e Ciad nel nuovo "travel ban" di Trump

I tre Paesi si aggiungono a Iran, Libia, Siria, Yemen e Somalia già inclusi nel precedente decreto

Commenti