Esteri

Trump a Bruxelles: "L'Ue deve rispettare gli obblighi finanziari"

Al vertice The Donald ha ribadito che "23 membri Nato non hanno ancora pagato le loro quote. Un'ingiustizia per i contribuenti Usa"

Meeting of NATO Heads of State and Government in Brussels

Chiara Degl'Innocenti

-

Mentre l'ex e più popolare presidente Usa Barack Obama incontrava a Berlino la cancelliera tedesca Merkel per parlare di democrazia e fede, l'esordio del suo successore Donald Trump sulla ribalta europea al summit Nato di Bruxelles veniva un po' oscurato. Una presenza invece molto attesa, la sua, al G7 di Taormina (26-27 maggio), dove tra i temi più scottanti per il neo presidente americano sono il clima e la Russia. 

LEGGI ANCHE: Donald Trump in Israele
LEGGI ANCHE: Melania e Ivanka Trump in viaggio con il presidente

La mattinata di Trump
Atteso per il 25 maggio nella sede del Consiglio europeo, la mattinata di Trump ha previsto colloqui con i presidenti della Commissione e del Consiglio europeo, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk. Dopo una prima sessione, attesi anche il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera, Federica Mogherini.

Nel suo discorso di apertura Trump ha ribadito con ai capi di Stato della Nato presenti a Bruxelles che "negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno speso per la difesa più di tutte le nazioni Nato messe insieme. Dobbiamo riconoscere che di fronte all'aumento dei costi e delle minacce, anche il 2% del Pil non è sufficiente. Dobbiamo recuperare gli anni persi, il 2% è il minimo per affrontare le minacce reali e terribili di oggi". E in riferimento alla Nato ha colpito duro: "Sono stato molto diretto con i membri Nato, finalmente devono contribuire nel modo giusto con la quota giusta rispettando gli obblighi finanziari, ma 23 dei 28 membri Nato ancora non pagano quanto dovrebbero pagare, questo non è giusto per il popolo e per i contribuenti degli Stati Uniti".

A pranzo con Macron
A pranzo Trump ha incontrato il presidente francese, Emmanuel Macron, nella residenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti a Bruxelles, il luogo dove The Donald e delegazione hanno soggiornato nella notte del 24 maggio. Sull'accordo di Parigi sul clima, ha spiegato il presidente Usa al suo corrispondente francese "ho chiesto di non prendere nessuna decisione precipitosa". Macron ha detto di aver evocato con il presidente Usa "tutti i dossier", di aver avuto un "lungo scambio diretto e franco", guidato dal pragmatismo. "Ci sono questioni su cui non abbiamo necessariamente la stessa lettura", ma siamo a favore del rafforzamento della lotta al terrorismo. Sull'accordo di Parigi, ha aggiunto il neo capo francese, "ho ricordato l'importanza della nostra responsabilità politica, e ho chiesto di non prendere nessuna decisione precipitosa".

L'inaugurazione della nuova sede Nato
L’arrivo di Trump nel nuovo quartier generale della Nato era previsto per le 16. Ad accoglierlo, il segretario generale Jens Stoltenberg. Qui, il presidente ha assistito a una cerimonia di “consegna delle chiavi” della Nato da Michel a Stoltenberg, dato che la nuova costruzione è avvenuta sotto la supervisione del ministero della Difesa belga. Una curiosità: un tratto del muro di Berlino, che su uno dei lati mostra la scritta Gorbi sieht alles" (Gorbaciov ci vede tutti) e un frammento del 107/o piano del World Trade Center distrutto dall'attacco dell'11 settembre fanno parte della nuova costruzione e sono stati svelati dalla cancelliera Merkel e dal presidente Donald Trump.

Insieme, poi, i leader hanno partecipato alla sfilata di aerei da combattimento e da trasporto militare.

Gli impegni di Bruxelles
Due le questioni che hanno interessato di più Trump: l’aumento della spesa per la Difesa da parte dell’Ue, appunto, e del Canada e un ruolo maggiore dell’Alleanza nella lotta contro lo Stato islamico.

Il rientro in Italia di Trump 
Previsto il rientro in Italia di Donald Trump per il G7 di Taormina il 26 maggio. 


© Riproduzione Riservata

Commenti