Esteri

Trattato del Quirinale tra Francia e Italia: cos'è e cosa prevede

Sarà sancito entro il 2018. Mira a rafforzare una cooperazione bilaterale su temi europei e non solo, con coordinamenti sistematici tra i due Paesi

Emmanuel Macron a Roma

Redazione

-

Italia e Francia fanno prove di avvicinamento, sulla falsariga del rapporto privilegiato già instaurato tra Francia e Germania e che grosso modo detta le linee guida dell'Unione Europea.
Gentiloni e Macron stanno lavorando a un Trattato del Quirinale per rafforzare cooperazione e coordinamento tra i due Paesi. Il trattato dovrebbe essere firmato entro il 2018. 

Ecco i dettagli.

Come si è arrivati all'idea del Trattato

Dopo il vertice bilaterale di Lione del settembre 2017, il premier italiano Paolo Gentiloni e il presidente francese Emmanuel Macron si sono impegnati a consolidare l'altalenante amicizia tra Italia e Francia.

Pochi giorni prima, alla Sorbona, Macron aveva detto di voler celebrare, 55 anni dopo la firma all'Eliseo del Trattato fra Adenauer e De Gaulle, un nuovo Trattato dell'Eliseo. All'idea invece di un asse Parigi-Roma, Gentiloni aveva replicato: "Non abbiamo un Trattato dell'Eliseo ma possiamo pensare a qualcosa... qualcosa di importante tra noi". Macron aveva raccolto la palla al balzo introducendo già da allaora la definizione di "Trattato del Quirinale": "Perché non possiamo immaginare di firmare un Trattato del Quirinale per sancire una cooperazione bilaterale rafforzata?".

Alle parole stanno seguendo i fatti. 

Come sarà sancito il Trattato del Quirinale

Un "gruppo di saggi" composto da tre italiani e tre francesi è pronto a mettersi al lavoro per definire l'ambito del nuovo Trattato.

I tre esperti che l'Italia propone sono il professor Franco Bassanini, ex ministro e consigliere di Gentiloni, l'ex ministra della Giustizia e attuale rettrice della Luiss Paola Severino, l'attuale consigliere per l'Ue a Palazzo Chigi Marco Piantini.

Cosa prevederà il Trattato del Quirinale

Il Trattato del Quirinale dovrebbe sancire concretamente la cooperazione rafforzata fra Roma e Parigi "per coordinarsi in maniera sistematica" su questioni bilaterali

Macron è a Roma, in occasione del vertice dei Paesi dell'Europa meridionale tenutosi il 10 gennaio, e per l'11 gennaio ha in programma incontri con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e con Gentiloni proprio per lanciare il Trattato, che si comporrà di un testo "breve e concreto".

L'intesa tra Parigi e Roma prevederà "consultazioni bilaterali molto più coordinate" su una serie di questioni, da quelle europee ai temi della cultura, con un'attenzione particolare per il settore industriale, e in particolare quello "navale, sia civile che militare", dopo l'accordo raggiunto a settembre su Fincantieri Stx di Saint-Nazaire.

Francia e Italia come Francia e Germania?

Come ha chiesto il presidente Macron nel suo discorso alla Sorbona prima del vertice di Lione del 2017, il Trattato del Quirinale sosterrà soprattutto un impegno più importante, rafforzato e concreto su temi europei.

Saranno elaborati "macro obiettivi" sui quali concentrarsi e coordinarsi, dalla crescita e occupazione alla politica migratoria, dall'ambiente alla formazione, passando dalla difesa comune europea. 

L'obiettivo alquanto ambizioso è recuperare strada rispetto all'asse privilegiato Francia-Germania, Paesi che da 50 anni hanno un rapporto strutturato e consolidato, con un Consiglio bilaterale di sicurezza e difesa che si riunisce due volte l'anno e che, di fatto, determina la rotta dell'Unione Europea. 


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gentiloni, il premier garante per il Paese

Oggi si chiude ufficialmente la legislatura, ma il governo rimane in carica su espressa volontà del Capo dello Stato che vede in lui una sicurezza

I 3 temi economici più importanti per il Governo Gentiloni

Lavoro, politica industriale e debito pubblico. Sono questi i nodi chiave su cui il Governo dovrà concentrarsi fino alla scadenza del mandato

Commenti