Boko Haram e la nuova strage in Nigeria

Tre bombe esplose nella moschea di Kano, roccaforte spirituale dell'emiro nemico del capo degli integralisti africani

Boko-haram

Un gruppo di integralisti di Boko Haram – Credits: EPA/STR

Redazione

-

Sono decine, oltre 60 solo nelle prime ore dopo il fatto, le vittime del triplice attentato compiuto alla Grande Moschea di Kano, nel nord della Nigeria. Oltre 120 i feriti. Ma i numeri sono destinati ad aumentare.

Tre bombe sono esplose nella moschea di uno dei più noti capi spirituali nigeriani, Sanusi Lamido Sanusi, emiro di Kano, nel turbolento nord-est del Paese roccaforte di Boko Haram che proprio nei giorni scorsi aveva esortato la popolazione a prendere le armi contro i cosiddetti "Talebani d'Africa", inimicandosi anche l'esercito perchè ha messo in dubbio la capacità dei soldati di proteggere i civili.

 
Boko Haram: l'Internazionale dell'orrore


Ufficialmente l'emiro di Kano è il numero due della "gerarchia" religiosa islamica nigeriana e segue il Sultano di Sokoto. Sanusi è stato nominato all'inizio dell'anno e gode di grande prestigio in Nigeria. Prima di assumere l'incarico di emiro di Kano, seconda città del Paese, è stato governatore della banca centrale nigeriana, poltrona da dove non ha mancato di criticare le frodi e la corruzione nel governo.

Solo pochi giorni fa un'altra strage, con due donne che si erano lasciate esplodere in un mercato, aveva colpito la Nigeria. E anche in quel caso, era evidente la mano di Boko Haram

LEGGI ANCHE: LA STRAGE AL MERCATO
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il salto di qualità di Boko Haram

Con oltre 1.500 morti da inizio anno, l’episodio delle studentesse rapite e i 100 morti di ieri a Jos e i 30 di oggi, la Nigeria è schiacciata dal terrorismo. USA ed Europa meditano una risposta adeguata

Boko Haram: le testimonianze delle ragazze superstiti

Stuprate, costrette a sposarsi, a uccidere e a sopportare abusi psicologici. Ecco i racconti raccolti da Human Rights Watch

Boko Haram: l'Internazionale dell'orrore

Dopo il nuovo rapimento di sessanta studentesse nel nord-est, l’attenzione è ancora puntata sulla Nigeria: la tregua era un bluff?

Commenti