Redazione

-

“Infanzia sotto assedio” in Siria. Save The Children ha pubblicato mercoledì 9 marzo un rapporto sulla condizione di bambini e ragazzi nel paese martoriato dalla guerra.

Si stima siano almeno 250mila i minori che vivono nelle città assediate.
In queste aree il 47% delle vittime sono ragazzi con meno di 14 anni, gravemente malnutriti perché meno dell’1% della popolazione riesce a ricevere aiuti alimentari, o gravemente malati perché solo il 3% è in grado di usufruire di assistenza sanitaria.

Nel 2015 nel 22% dei casi, i bombardamenti effettuati sul paese hanno interessato aree assediate.

Secondo il rapporto molti bambini confluiscono nelle file dei combattenti, arruolati giovanissimi, anche a 8 anni, almeno tra coloro che non sono riusciti a fuggire.

Per inquadrare: stiamo parlando di un paese dove circa 6,6 milioni di persone sono sfollate nelle aree interne e 4,7 milioni fuggite nei Paesi confinanti e in Europa.

“Le immagini del bambino che muore di fame a Madaya nel gennaio scorso hanno scosso il mondo, ma lontano dalle macchine fotografiche ci sono molte comunità che stanno vivendo la stessa situazione e la stessa disperazione”, afferma Valerio Neri, Direttore Generale di Save the Children.

I cecchini che sparano
“I bambini stanno morendo per mancanza di cibo, di medicine o per cause assurde — spiega — come l’ingestione accidentale di veleni mentre scavano alla ricerca di qualcosa da mangiare. E a pochi chilometri da loro ci sono magazzini colmi di aiuti. I bambini vivono in vere e proprie prigioni a cielo aperto, dove i cecchini sparano a chiunque tenti di scappare. Sono tagliati fuori dal mondo, insieme alle loro famiglie e circondati da gruppi armati che utilizzano l’assedio ai civili come arma di guerra. Questi bambini stanno pagando il prezzo dell’immobilismo del mondo”.

I medici uccisi
In Siria, informa ancora il rapporto di Save the Children, molti medici sono stati uccisi, arrestati o risultano essere sfollati, anche se sono numerosi quelli che hanno deciso di restare nel Paese. Ma in generale nel 2015 meno del 10% delle richieste di accesso alle aree assediate da parte delle Nazioni Unite ha avuto esito positivo e alcune aree ricevono aiuti solo una volta l’anno, altre anche meno. La popolazione di Darayya, ad esempio, non riceve soccorsi da ottobre 2012. 

I gruppi armati approfittano della disperazione dei bambini e li reclutano per andare a combattere sulla linea del fronte, perché per loro è l’unico modo di avere garantito un pasto al giorno. E alcuni pagano fino a 150 dollari al mese, altri solo 50 dollari. 

Serve accesso libero per gli aiuti
“Tutto questo è troppo. Dopo quasi 5 anni di conflitto in Siria — afferma Neri — è necessario porre fine agli assedi. Per questo chiediamo che venga consentito immediatamente l’accesso libero e permanente agli aiuti umanitari e che cessino gli attacchi su scuole, ospedali e infrastrutture civili vitali”. 

Save the Children chiede poi ai leader mondiali che la distribuzione di aiuti umanitari non sia legata agli accordi di pace e non venga utilizzata come merce di scambio nei negoziati politici.

(Ansa, Save The Children)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tregua in Siria violata da raid russi, dice la Francia

Lunedì sono arrivati i primi convogli di aiuti umanitari in una delle città assediate. Task Force per sorvegliare sul rispetto del cessate il fuoco

Siria, finto ok di Damasco al cessate il fuoco

Assad accetta i termini della tregua ma dice che oltre a Isis e Fronte al Nusra continuerà a combattere anche gli "altri gruppi terroristi"

Siria fra guerra e tregua: il racconto della nostra inviata

Il viaggio è finito. Ci siamo lasciati alle spalle un paese bellissimo ma distrutto. Il ricordo del ragazzino in mimetica con in spalla il spalla il kalashnikov

Sta per nascere il Kurdistan siriano

Dopo il sì di Mosca a un'ipotesi federale, le autorità del Rojava sono pronte a dar vita a una nuova entità autonoma nel nord del Paese

Siria: video da un paese in guerra

Commenti