Esteri

“Sì, Putin è corrotto”: l’amministrazione Obama conferma; Russia furiosa

La Casa Bianca ha ribadito ieri le accuse di arricchimento sospetto al capo del Cremlino. Parole “inaccettabili, scandalose e offensive”, dicono a Mosca

Omicidio Alexander Litvinenko

Redazione

-

confermiamo, Putin è corrotto. Firmato: l’amministrazione Obama.

E il Cremlino contrattacca: le accuse di corruzione rivolte a Putin da Washington sono “inaccettabili, scandalose e offensive”, ha tuonato il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, aggiungendo indignato di aspettare “ulteriori chiarimenti dalle autorità statunitensi”.

Le parole del portavoce della Casa Bianca Josh Earnest hanno riportato il gelo tra Russia e Usa, e hanno fatto tornare a galla l’ipotesi di un presunto tesoro segreto dello ‘zar’, che la Cia avrebbe valutato nel 2007 in circa 40 miliardi di dollari: una fortuna immensa che farebbe in teoria di Putin il capo di Stato più ricco al mondo, e che non potrebbe essere giustificata dal suo stipendio statale di 110.000 dollari l’anno. 

LEGGI ANCHE: Putin “probabilmente autorizzò” l’omicidio di Aleksandr Litvinenko

LEGGI ANCHE: Omicidio Nemtsov: incriminati cinque ceceni

Il primo alto funzionario a stelle e strisce a puntare direttamente il dito contro Putin è stato il sottosegretario al Tesoro Adam Szubin, che in un’intervista alla Bbc ha accusato il presidente russo di essere corrotto, sostenendo che a Washington ne sono al corrente “da molti anni”

La conferma della Casa Bianca
Parole pesanti, che hanno scatenato l’ira del Cremlino. Ma forse ancor più pesante è stata la conferma del portavoce di Obama: “Riflette al meglio la visione dell’amministrazione”, ha detto riferendosi alla dichiarazione di Szubin. 

“Tirate fuori le prove”
Il Cremlino ovviamente non ci sta. Sfida Washington a tirare fuori le prove che non ha mai fornito, e denuncia che “è evidente l’uso del tema russo e del tema Putin nel gioco elettorale degli Stati Uniti”, dove si avvicinano le presidenziali e, sostiene Peskov, “tutti fanno a gara a criticare la Russia e Putin e a chi lo fa nel modo piu’ eclatante”. 

Presidenziali russe 2018
Ma secondo il portavoce dello ‘zar’, accusando Putin di essere corrotto gli Usa dimostrano anche di aver iniziato a prepararsi per altre presidenziali, quelle russe del 2018, e di voler “esercitare pressioni per influenzare l’andamento della futura campagna elettorale” con una “campagna diffamatoria”. 

Il nuovo scontro tra Mosca e Washington arriva proprio mentre, tra mille difficoltà e incomprensioni, si cerca di trovare una soluzione ai conflitti in Siria e Ucraina. E i nuovi venti di guerra fredda rischiano di essere un impedimento alla ricerca di un compromesso. 

“Americani deboli e impotenti”
Peskov non fa mistero di pensare che dietro le accuse americane ci siano delle motivazioni politiche: “E’ ovvio che i nostri cosiddetti partner non sono soddisfatti delle politiche coerenti della Russia su Siria e Ucraina”, dice, parlando di “affronti personali” che a suo avviso sono “una manifestazione di debolezza e impotenza”. 

Del misterioso tesoro di Putin comunque si vocifera da anni, e il leader russo non è neanche nuovo ad accuse di corruzione, spesso rilanciate dall’oppositore Alexiei Navalni ma mai provate in maniera inconfutabile. 

Gli amici di Putin diventano ricchi
Di certo c’e’ però che da quando Putin è salito al potere, 16 anni fa, i suoi amici hanno accumulato patrimoni immensi mentre chi ha provato a mettergli i bastoni tra le ruote è caduto in disgrazia o è addirittura finito dietro le sbarre, come l’ex patron di Yukos, Mikhail Khodorkovski. 

Gli avversari emarginati
Abbiamo visto Putin far arricchire i suoi amici, i suoi alleati più stretti, ed emarginare coloro che egli non vede come amici usando gli asset statali”, ha spiegato Szubin alla Bbc. “Muovere accuse simili per un ente come il ministero delle Finanze Usa senza sostenerle con delle prove concrete getta un’ombra sull’ente stesso”, ha replicato stizzito il Cremlino.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le persone più potenti del mondo secono Forbes: Putin ancora primo

La rivista americana conferma il presidente russo al vertice: "in grado di fare quello che vuole senza pagarne le conseguenze". Obama solo terzo

Guerra all'Isis, Putin: "Speriamo di non dover usare il nucleare" - Foto e video

Per la prima volta nella guerra contro l'Isis in Siria Mosca ha utilizzato un sommergibile. Che può anche essere armato con testate nucleari

Putin rifiuta la Corte europea dei diritti umani

Firmata la legge costituzionale che rende non vincolante le sentenze dei tribunali internazionali

Putin alla Bild: "Dopo la caduta del muro abbiamo sbagliato tutto"

In un'intervista al quotidiano tedesco il presidente russo attacca la politica dell'Occidente e critica quella del suo Paese dopo il crollo dell'Urss

Putin "probabilmente autorizzò" l'omicidio di Aleksandr Litvinenko

I risultati dell'inchiesta pubblica britannica sull'avvelenamento da Polonio 210 dell'ex spia russa e oppositore del Cremlino, avvenuto a Londra nel 2006

Omicidio Nemtsov: incriminati cinque ceceni

Si indagherà ancora su Mukhudinov, accusato di essere mandante e organizzatore, guardia di Kadyrov, l’uomo di Putin in Cecenia

Commenti