Esteri

Russiagate: ecco il dossier che "scagiona" James Comey

In un report, il dipartimento di Stato spiega come, nell'emailgate, l'ex capo dell'Fbi licenziato da Trump, non fu "di parte" nei confronti della Clinton

james-comey-fbi

Luciano Lombardi

-

Dopo 18 mesi di lavoro, il dipartimento di Giustizia Usa ha rilasciato e presto diffonderà pubblicamente il rapporto sul filone del Russiagate conosciuto come "emailgate", l'indagine che ha riguardato l'utilizzo da parte dell'allora segretario di Stato candidato alla Presidenza Hillary Clinton di un account e di un sever privato per la sua corrispondenza elettronica.

Secondo le indiscrezioni pubblicate dell'Associated Press, il documento ripercorre i passaggi-chiave dell'inchiesta e della querelle tra Donald Trump, l'allora ex capo dell'Fbi James Comey e diverse altre figure del Bureau, accusato di comportamenti approssimativi, se non addirittura scorretti e dannosi nei suoi confronti.

Sbagliato ma giusto

Tutto ebbe inizio quando Comey, nel luglio del 2016, annunciò pubblicamente e senza ottenere la preventiva autorizzazione del dipartimento di Giustizia che il comportamento della Clinton fu sì negligente, ma non al punto da emettere accuse nei suoi confronti.

Secondo il report, il comportamento "non ortodosso" dell'ex numero uno dell'Fbi violò il protocollo ma non furono motivate da un un interesse politico. "Non fu di parte", stabilisce, per l'esattezza, contrariamente a quanto Trump aveva sempre affermato arrivando a deciderne l'estromissione dall'agenzia.

Un nuovo elemento che fa "tremare" l'Fbi

Altro elemento degno di nota emerso dal dossier è un sms scambiato fra due agenti dell'Fbi, anche loro poi allontanati dal Bureau investigativo.

"Impediremo a Trump di diventare presidente" recita l'sms "incriminato" inviato nell'agosto da Peter Strzok - uno degli investigatori principali sia per l'"emailgate" che per il Russiagate - e un'avvocato dell'Fbi, Lisa Page, sottolineando che, stando ad alcune fonti, potrebbe essere questo l'elemento più dannoso per l'Fbi che emerge dal documento.

"(Trump) non diventerà mai presidente, vero?", replicò Page a Strzok. "No. No non lo diventerà. Lo fermeremo".

Tra i due, noti come gli "agenti-amanti", erano già emersi, nei mesi scorsi, altri scambi di messaggi, passati in rassegna anche al Congresso.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

James Comey, cosa dice di Trump nel memoir “A Higher Loyalty”

L'amministrazione attuale è intossicata dalla cultura della menzogna, Il presidente ignora i doveri fondamentali della carica che ricopre e minaccia la Costituzione liberale. Ma Comey non andrebbe considerato un eroe

Cosa ci ha detto l'audizione di James Comey su Russiagate

L'ex direttore dell'Fbi al comitato del Senato sull'intelligence ribadisce che Trump è un bugiardo e che ha cercato di deviare le indagini

James Comey: Trump mi chiese di non indagare Flynn per il Russiagate

La testimonianza dell'ex direttore dell'Fbi per il Comitato Intelligence del Senato, rende più difficile la situazione del presidente

Usa: perché il caso Comey è peggio del Watergate

Il parere di Carl Bernstein che con Bob Woodward fece dimettere il presidente Nixon. "Lui era un criminale, Trump vuole nascondere la verità"

La doppia minaccia di Trump: prima Comey poi la stampa

Il tycoon sempre più in difficoltà per il Russiagate si scaglia con l'ex capo dell'Fbi e poi ipotizza di cancellare le conferenze stampa alla Casa Bianca

Trump: perché il licenziamento di Comey è un problema

L'FBI difende il suo ex capo, i democratici evocano l'impeachment, c'è scontento tra i repubblicani e il 54% degli americani lo giudica un errore

Commenti