Esteri

Referendum in Scozia: i risultati in diretta

Il "No" ottiene il 55,3%, il "Si" il 44,7%. Il Regno resta Unito. Cameron: "Adesso avanti insieme"

referendum-scozia-no

La Scozia ha atteso con il fiato sospeso i risultati del referendum per l'indipendenza. Un testa a testa andato avanti per tutta la notte che ha dato un responso chiaro.

Lo scrutinio si è chiuso con il "No" al 55,3%, mentre i si sono fermi al 44,7%.

La differenza tra i due schieramenti è di quasi 400mila voti. I No infatti superano i 2 milioni. 1 milione e 600 mila scozzesi hanno invece scelto il si. Altissima l'affluenza, superiore al 90%.

Il leader del movimento indipendentista, Alex Salmond ha da poco ammesso la sconfitta. "A tutti i partiti che si sono battuti per il no - ha detto Salmond in un discorso ai suoi sostenitori - chiedo il rispetto di quanto emerso in questo referendom e del voto di quasi la metà degli scozzesi".

Anche il premier britannico Cameron si è sbilanciato ringraziando via twitter poco fa il comitato del "No" per il brillante lavoro svolto. "Sono molto felice per il risultato del voto - ha detto parlando da Londra - ora è il momento di unirsi di nuovo ed andare avanti. Abbiamo la possibilità di cambiare per portare avanti anche i desideri del popolo scozzese, come di quello britannico, gallese e dell'Irlanda del nord". Tutti gli impegni che ci siamo presi in questa campagna saranno rispettati; il programma di devolution andrà avanti".

Nel pomeriggio la Regina Elisabetta farà un discorso alla nazione per commentare il risultato.

La prima vittoria del "sì" è arrivata nel collegio di Dundee, roccaforte indipendentista nota come "Yes City". Ma i "sì" vincono anche a Glasgow, la più grande città scozzese, e Aberdeen. Ma è soprattutto nei piccoli centri che invece sta prevalendo in senstimento di unità. I No invece hanno dominato ad Edimburgo con il 60%.

Un tendenza che ha già influenzato i mercati dell'est. La borsa di Tokyo sta segnando un rialzo record con l'indice nikkei ai massimi dal 2007. Un dato replicato da tutte le borse europee e dalla sterlina, ai massimi da una decina d'anni rispetto all'euro.

Per seguire in tempo reale lo spoglio del referendum in Scozia è necessario collegarsi al sito ufficiale (Scotreferendum.com) dedicato al voto del governo scozzese oppure al sito dell'esecutivo inglese. L'alternativa - in un Paese dove gli exit polls sono di fatto vietati - è quella di collegarsi a Daily Record and Sunday MailSunday Post, i due più popolari tabloid scozzesi, o ai colossi dell'informazione britannica, come The Guardian e il Daily Mail. Il corpo elettorale è composto da 4,3 milioni di persone, compresi i cittadini stranieri residenti nel Paese. 

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cosa succede se in Scozia vincono i si

Il referendum sull'indipendenza dal Regno Unito è alle porte; questi i possibili scenari per il "dopo"

La Scozia e l'Italia

Dieci parole per chiedere l'indipendenza. Da noi fiumi di inchiostro per un paese che resta fermo

Scozia al voto: le prime pagine dei giornali inglesi

Nel giorno del referendum per l'indipendenza ecco le aperture dei quotidiani del Regno Unito

Ecco i vip per l'indipendenza della Scozia

Dalla stilista Vivienne Westwood al fondatore degli Smiths Morrissey, fino al tennista di Glasgow Andy Murray: i volti di chi si batte per la secessione

Scozia divisa sul rugby e Sean Connery

Per Vittorio Munari, grande conoscitore della palla ovale, sul referendum per l'indipendenza si scontrano esigenze diverse

Le sette cose che devi sapere sul referendum in Scozia

Dalle origini scozzesi di Queen Elisabeth al presagio della nuvola che sta spopolando sul web: tutte le curiosità sul voto

Commenti