Esteri

Quanti sono i rifugiati nel mondo (e dove vanno)

Secondo le Nazioni Unite nel 2017 sono stati 68,5 milioni. Scappano da guerre e persecuzioni. La Turchia è il paese che ne ha accolti di più

rifugiati

Marta Buonadonna

-

Fuggono da guerre, persecuzioni, violenze: il numero di persone che scappano nel tentativo di mettersi in salvo è in costante aumento da cinque anni. I conti li fa l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati nel suo report annuale Global Trends, presentato in occasione della Giornata mondiale dei rifugiati. Il rapporto parla di 68,5 milioni di fuggitivi nel 2017 (tre milioni in più rispetto al 2016), quasi lo stesso numero degli abitanti della Thailandia, di cui oltre 16 milioni hanno lasciato le proprie case lo scorso anno per la prima volta o come ennesimo tentativo.

Parliamo di 44.500 persone al giorno, una ogni due secondi, in totale una ogni 110 abitanti del pianeta, solo dieci anni fa erano uno ogni 157 abitanti. I richiedenti asilo che al 31 dicembre 2017 erano ancora in attesa della decisione sulla loro richiesta di protezione sono aumentati da circa 300.000 a 3,1 milioni nel giro di un anno.

Da cosa scappano

Guerra in Siria, crisi della Repubblica Democratica del Congo, guerra in Sud Sudan, persecuzione dei Rohingya in Myanmar sono stati tra gli eventi che hanno fatto segnare un nuovo triste record di rifugiati nel 2017.

Da dove arrivano

A livello globale, il 68% di tutti i rifugiati arriva da soli cinque paesi: dalla Siria sono 6,3 milioni, 2,6 milioni dall'Afghanistan, 2,4 dal Sud Sudan, 1,2 dal Myanmar e 986mila dalla Somalia.

Nel 2017 c'è stato un aumento del 14% del numero totale di rifugiati siriani. Attualmente hanno trovato asilo in 125 paesi in tutto il mondo: la maggioranza è ospitata dalla Turchia (3.424.200). Alla fine del 2017, numerose popolazioni di rifugiati provenienti dalla Siria erano anche residenti in Libano (992.100), Giordania (653.000), Germania (496.700), Iraq (247.100), Egitto (126.700), Svezia (103.600), Austria (43.900) e Paesi Bassi (30.900).

Per quanto riguarda i rifugiati provenienti dall'Afghanistan, al secondo posto per numero di persone, sono aumentati del 5%. Nel 2017 vivevano per lo più in Pakistan (1.392.600), dove un piccolo aumento della popolazione è dovuto alle nascite che hanno superato il numero di coloro che sono tornati in Afghanistan o sono stati ricollocati. Complessivamente, i rifugiati provenienti dall'Afghanistan sono stati segnalati in 93 paesi tra cui l'Iran (951.100), la Germania (104.400) e l'Austria (26.900).

Dove si trovano

Il Libano è il paese che ospita il maggior numero di rifugiati relativamente alla propria popolazione nazionale: una persona su sei è un rifugiato sotto la responsabilità dell'UNHCR. Seguono la Giordania (1 su 14) e la Turchia (1 su 23). Se si includono i rifugiati palestinesi sotto il mandato dell'UNRWA, Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione, le cifre salgono a 1 su 4 per il Libano e 1 su 3 per la Giordania.

Nel corso dell'anno il paese che ha accolto più rifugiati in assoluto è la Turchia, dove ne sono arrivati 3,5 milioni. Seguono Pakistan e Uganda, con 1,4 milioni ciascuno, il Libano, l'Iran, la Germania e il Bangladesh con poco meno di un milione, il Sudan con 900mila.

Dove vogliono andare

Le richieste di asilo sono state 1,7 milioni. A riceverne il numero maggiore sono stati gli Stati Uniti (331mila), seguiti da Germania (198mila), Italia e Turchia (entrambe a quota 126mila).

I minori

Il 52% dei rifugiati è costituito da minori di 18 anni. Di questi, 173.800 sono minori non accompagnati o separati dalle famiglie. Questa stima, che il rapporto definisce prudente, tiene conto delle nuove domande, dei richiedenti asilo e dei rifugiati. Comprende 45.500 bambini non accompagnati e separati che hanno richiesto asilo su base individuale nel 2017, come riportato da 67 paesi e 138.700 rifugiati non accompagnati e richiedenti asilo come riportato da 63 operazioni dell'UNHCR.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché l'immigrazione è un vantaggio e non un danno

Ecco 5 motivi per cui i migranti sono un valore per l'economia e per la cultura del Paese che li accoglie

Fuga dalle guerre, è record di rifugiati nel mondo

Commenti