Esteri

Perché la Russia come modello dei sovranisti è un abbaglio

Oggi Vladimir Putin è il riferimento per molti politici occidentali, Matteo Salvini incluso. Ma al di là del deficit democratico, il Paese più vasto del mondo continua ad avere problemi giganteschi

Vladimir Putin

Claudio Martelli

-

Non è certo il primo né l'unico, ma di sicuro è un caso clamoroso di abbaglio collettivo. Molti, forse la maggioranza degli italiani e non solo degli italiani, pensa alla Russia come a un paese ricco, ben governato e considera Vladimir Putin come un leader che merita grande rispetto se non, come nel caso di Matteo Salvini, un'incondizionata ammirazione.

In Italia prendere fischi per fiaschi con la Russia non è una novità, nuova è l'identità politica di chi si lascia abbagliare. Oggi è la destra italiana ed europea che guarda a Putin come a un supereroe. Forse perché quando l'orso russo vuole qualcosa dà una zampata e se la prende? In effetti, quale migliore esempio di sovranismo di quello offerto da uno Stato che per sradicare il terrorismo ceceno ha massacrato centinaia di migliaia di innocenti? Che per fermare la corsa a occidente dei suoi vicini si è annessa l'Ossezia, poi la Crimea e il Donbass ucraino? Che arresta ogni volta che parla in pubblico quell'Alexei Navalny rimasto l'unico leader dell'opposizione in campo? Che perseguita ed elimina giornalisti e scrittori, rapper e femministe, spie ed ex spie?

Un tempo erano milioni i militanti e simpatizzanti comunisti e di sinistra convinti che l'Urss - al di là di "alcuni tratti illiberali" (come diceva Enrico Berlinguer, il segretario del Partito comunista italiano) - fosse il paradiso del proletariato e un modello da imitare.

Allora, anche a Roma come nell'intelligentsia europea, imperava l'ideologia salvifica del comunismo; anche contro l'evidenza, contro ogni prova e confronto. Si bollavano come propaganda borghese e imperialista i dati che contraddicevano il mito sovietico e tanto bastava. Non c'era tempo da perdere in dettagli: la produzione di grano - quarant'anni dopo la rivoluzione - era ancora inferiore a quella, pessima, del periodo zarista? Gli inverni gelidi ancora portavano carestie? La replica era scontata: tutte, senza eccezioni, non erano nient'altro che fandonie, calunnie reazionarie, infamie della Cia destinate a suscitare il disprezzo della classe operaia.

Da allora tutto è cambiato ma non la struttura dispotica del potere che a Mosca rimane lontanissima da quello cui i suoi cittadini hanno diritto e da quel che il resto del mondo gradirebbe. Peccato. Una Russia non compromessa dal ricorso alla forza e ai complotti per restaurare il suo ruolo di grande potenza e più attenta al benessere del suo popolo avrebbe naturalmente un posto d'onore, il suo posto, tra le grandi nazioni. Invece il Paese più grande del pianeta, il meno popolato e il più dotato di risorse energetiche, ha un Pil in cifra assoluta inferiore al nostro e un tenore di vita dei suoi cittadini pari a un terzo di quello dell'Italia che è cinquanta volte più piccola e ha meno della metà di abitanti!

L'ultima notizia da Mosca è l'aumento - causa le spese militari - dell'età pensionabile da 60 a 65 anni in un Paese in cui l'aspettativa di vita è di soli 67! Non ci si crede eppure la demokratura di Vladimir Putin è lo Stato guida, il modello alternativo all'Unione europea cui guarda Matteo Salvini. 


(Articolo pubblicato sul n° 42 di Panorama in edicola dal 4 ottobre 2018 con il titolo "Perché la Russia non mi convince e perché la mano tesa dei sovranisti è un abbaglio dal respiro corto")

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Salvini e Di Maio: finché tempo non ci separi

Tensioni e polemiche. Ma alla fine i due vicepremier fanno sempre pace. Perché conviene a entrambi per i loro progetti a medio e lungo termine. Matteo, infatti, vuole strutturare meglio la Lega. Luigi, invece, punta a superare la regola del doppio mandato elettivo

Anche Berlusconi si sta convincendo che Salvini vuole rimanere con i Cinquestelle

Deluso e perplesso, il Cavaliere è persuaso che tale scelta non porterà nulla di buono, sia al Paese che allo stesso leader leghista

La copertina di Time a Matteo Salvini "l'uomo più temuto d'Europa"

Sul settimanale americano lo "zar dell'immigrazione in Italia": vuole cambiare il Vecchio Continente dall'interno con i nazionalisti

Commenti