Esteri

Perché Latorre non tornerà comunque in India

La Corte indiana deciderà il 20/9 se chiedere il reimpatrio del marò. Ma - qualsiasi cosa decidesse New Delhi - l'ultima parola spetta all'arbitrato dell'Aja

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò al centro di una disputa tra India e Italia – Credits: STRDEL/AFP/Getty Images

Il 20 settembre prossimo è prevista la nuova udienza della Corte Suprema di New Delhi per decidere se prolungare la permanenza in Italia del fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre, in Italia  da quando la Corte Suprema indiana gli ha concesso il rimpatrio per cure mediche dopo aver subito un ictus a New Delhi nel 2014. Gli avvocati del militare italiani hanno chiesto un ulteriore prolungamento e finora gli è sempre stato concesso.

Eppure, del sì di Nuova Delhi non ce ne sarebbe nemmeno bisogno, almeno secondo la Farnesina. E qualsiasi decisione prendessero i giudici indiani Latorre rimarrà in Italia. Dopo la decisione del Tribunale internazionale per il diritto del mare - che un anno fa, il 24 agosto 2015, ha stabilito la sospensione di tutti i procedimenti giudiziari nazionali fino alla conclusione dell'arbitrato presso il tribunale arbitrale dell'Aja - l'Italia considera infatti sospesa e  priva di valenza giuridica la giurisdizione indiana sul caso. Certo, il ministero degli Esteri indiano sostienealtrimenti,  che la questione non è ancora stata definita, che i due marò restano sotto la giurisdizione della Corte suprema indiana, che quello che stabiliranno i magistrati il 20 settembre ha un suo peso. Ma si tratta - secondo gli esperti legali interprellati - di un classico gioco delle parti politico diplomatico. Un gioco dove nessun Paese vuole perdere apertamente la faccia su una questione come questa.

I due marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati dell'uccisione di due pescatori indiani, nel 2012 al largo delle coste del Kerala, attualmente attenderanno in Italia la decisione del tribunale arbitrale dell'Aja. La loro odissea si trascina da oltre quattro anni.

Marò, le quattro riflessioni che nessuno ha mai fatto
© Riproduzione Riservata

Commenti