Esteri

Perché è così difficile sconfiggere l'Isis

Le tre ragioni che rendono complesso, per l'Occidente, eliminare il cancro islamista che ha colpito a Parigi

Le forze curde tra le rovine di Sinjar liberata dall'ISIS

Paolo Papi

-

È relativamente semplice, sull'onda del clamore, dell'emozione, e dello sdegno, invocare soluzioni militari  contro i nazi-islamisti dello Stato islamico. Più bombardamenti su Raqqa, come sta facendo lo Stato Francese, invasione di terra, più controlli di polizia e poteri speciali alle intelligence, più prevenzione, sospensione di Shengen, financo respingimento di tutti i migranti provenienti dai Paesi mediorientali.

 

Il punto è che qualsiasi soluzione è complessa, maledettamente complessa, bifronte, ambigua. Questa in fondo non è una guerra tradizionale. Sconfiggere un nemico invisibile - che si nasconde, si mimetizza nel cuore delle grandi città europee - significa ammettere che la superiorità tecnologica e militare, di per sé, non è sufficiente. E ancora, come chiedono molti, sospendere Schengen: quali effetti macroeconomici potrebbe produrre nelle traballanti economie europee? Siamo disposti a pagarne il prezzo? Bloccare tutti i flussi migratori: al di là delle difficoltà pratiche di una tale soluzione, il blocco riguarderebbe anche coloro che fuggono, terrorizzati, dalle aree controllate dall'Isis? Non è, questa guerra, anche e soprattutto una guerra tutta interna all'Islam? Domande, molte, e risposte, poche. 

GUERRA ASIMMETRICA
Guerra asimmetrica significa che non hai di fronte un esercito tradizionale. Guerra asimmetrica significa, anche, che non sai esattamente dove è il nemico, che questo può colpire ovunque esista un assembramento, un concerto, un evento. Se c'è la volontà suicida di uno, due, dieci attentatori e basisti basta relativamente poco, anche in termini finanziari e organizzativi, per compiere una strage.

Talvolta il nemico è a Raqqa, la capitale dell'Isis dove c'è il quartier generale dell'organizzazione, talvolta è mimetizzato nelle grandi metropoli, talvolta ancora è un cittadino francese, belga, italiano di lontane origine musulmane. Spesso ha subito un processo di radicalizzazione in tempi  recenti e  perciò non è mai stato attenzionato dalle forze di sicurezza.

Come prevenire un attacco, se anche l'intelligence francese - che è una delle più preparate del mondo - non è riuscita a sventare l'ultimo attentato al cuore di Parigi? Combattere contro un nemico invisibile porta con sé un profondo di insicurezza, al quale la classe dirigente europea potrebbe rispondere,non solo con più poteri all'intelligence, ma anche sospendendo temporaneamente,  in nome dell'emergenza, i diritti costituzionali dei cittadini europei di origine musulmana.

E a quel punto sorge un'altra domanda: quanta libertà siamo disposti a barattare in nome di una maggior sicurezza?  E ancora: siamo sicuri che un'azione preventiva e repressiva su larga scala nei quartieri ad alto insediamento musulmano, basata soltanto su legittimi sospetti, non produca l'effetto opposto? Che trasformi un normale giovane musulmano in un incendiario, un fanatico, uno psicopatico stragista?

LA DISUNITA' OCCIDENTALE
Combattere una guerra in Siria e in Iraq - in quell'area che i think tank occidentali definiscono lo Siraq sunnita -  significa costruire una vasta coalizione internazionale che abbia unità di intenti e comuni strategie sul terreno.

Al momento queste condizioni non esistono. I russi finanziano e armano i gruppi filo-Assad che combattono l'Isis e gli altri gruppi di opposizione al regime, gli americani finanziano, armano e addestrano i gruppi anti-Assad cosiddetti moderati che combattono la guerra contro l'Isis, l'esercito siriano e i gruppi filo-Assad. Un ginepraio. Un intervento sul terreno in questo contesto - i famosi boots on the ground -  rischia di far deflagrare ulteriormente la guerra civile, favorendo indirettamente lo Stato islamico.

La Turchia, che è ufficialmente parte dell'Alleanza atlantica, ha per mesi, per ragioni interne, giocato su più tavoli, impedendo ai peshmerga curdi di raggiungere i loro fratelli oltreconfine in Siria e al contempo, come hanno denunciato i gruppi e i giornalisti di opposizione a Erdogan, favorendo il flusso di foreign fighters islamisti che hanno ingrossato le fila dell'Isis a Raqqa. Una guerra tradizionale in questo contesto, considerata anche la polifonia dell'Europa, la strutturale mancanza di un esercito europeo, la sua indisponibilità culturale a versare sangue in Medioriente, un azzardo, ancorché (forse) necessario. Una scommessa, come lo fu la guerra in Libia, risoltasi in quel disastro che abbiamo sotto gli occhi: una nuova semina per futuri islamisti e psicotici, un Paese fallito.

BLOCCARE I FLUSSI FINANZIARI VERSO ISIS
Sono i Paesi del Golfo come il Qatar, un Paese che ufficialmente  fa parte della coalizione anti-Isis, ad avere finanziato nelle prime fasi la nascita dello Stato islamico, che si è rafforzato anche nel 2005, dopo la scellerata decisione di Paul Bremer di licenziare tutti gli ufficiali saddamiti dopo la guerra in Iraq, grazie al contributo volontario di molti uomini del disciolto esercito iracheno. Chiudere i rubinetti finanziari dei Paesi del Golfo è una soluzione apparentemente ragionevole, ma cozza con questioni di difficile soluzione pratica, e alimenta inoltre il pericolo di un nuovo contraccolpo macroeconomico sul prezzo del greggio, con possibili effetti recessivi su tutte le economie mondiali. È un rischio che siamo disposti a pagare?

 Ha scritto Fulvio Scaglione su Famiglia Cristiana: «Solo l’altro giorno, il nostro premier Renzi (che come tutti ora parla di attacco all’umanità) era in Arabia Saudita a celebrare gli appalti raccolti presso il regime islamico più integralista, più legato all’Isis e più dedito al sostegno di tutte le forme di estremismo islamico del mondo. E nessuno, degli odierni balbettatori, ha speso una parola per ricordare (a Renzi come a tutti gli altri) che il denaro, a dispetto dei proverbi, qualche volta puzza». Parole che, probabilmente, bombardamenti a parte, rimarranno lettera morta.

Le fonti di finanziamento dell'Isis
© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti