Esteri

Pentito Isis: un video dimostra che padre Dall'Oglio è vivo

Secondo Le Monde, la rivelazione arriverebbe da un jihadista costituitosi a Parigi, che ha anche permesso di sventare un attentato in Germania

DALL'OGLIO

Redazione

-

"Si sentiva stanco": questa la motivazione con cui Le Monde spiega la decisone di costituirsi al commissariato del XVIII arrondissement di Parigi da parte di Saleh A., 28 anni, militante dell'Isis pentito.

Sempre secondo il quotidiano francese, le rivelazioni dell'ormai ex-jihadista - entrato in Europa con lo status di rifugiato siriano - hanno permesso di sventare un attentato progettato a Dusseldorf in un quartiere di megozi da tre altri rifugiati siriani, arrestati dalle autorità tedesche nella giornata di ieri.

Tra le altre cose Saleh A., che si è detto a capo di una cellula dormiente dell'Isis composta da una ventina di uomini tra Dusseldorf e un campo rifugiati olandese, avrebbe poi reso noto un importante particolare riguardo padre Paolo Dall'Oglio, il religioso rapito in Siria il 23 luglio 2013 da un gruppo di estremisti islamici.

Tutti gli ostaggi italiani nel mondo


Interrogato dall'intelligence francese, l'uomo - che ora potrebbe essere estradato in Germania - ha infatti confessato di aver avuto l'intenzione di recarsi a Roma per trattare con un certo "Carlos" la vendita al Vaticano, per 10 mila euro, di un video che dimostrerebbe che il missionario italiano è ancora vivo. Rimane ora da chiarire se il video era direttamente in possesso di Saleh A. o di qualche altro affiliato all'Isis. 

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti