Esteri

Perché Palma di Maiorca vieta l'affitto di appartamenti ai turisti

Da luglio per dare in affitto case privata servirà un'adeguata licenza. Una misura pioneristica per tutelare i residenti

Palma di Maiorca

Simona Santoni

-

Palma di Maiorca, la perla delle Isole Baleari, diventa la prima città spagnola a bandire l'affitto di case private ai turisti.

In che consiste il provvedimento

Presto le autorità cittadine approveranno un provvedimento che, a partire da luglio, impedirà ai proprietari di appartamenti situati a Palma di Maiorca di affittare la loro casa ai turisti senza un'adeguata licenza, pratica in tempi recenti aumentata vertiginosamente grazie a siti specializzati e app.

Come segnala El País, attualmente la capitale delle Baleari offre circa 11.000 proposte di affittio turistico: di queste, solo 645 sono autorizzate, e si tratta sempre di case unifamigliari. Prima dell'adozione ad agosto 2017 di nuove normative regionali, che hanno portato a multe salate fino a 400.000 euro, il numero di posti offerti era 20.000: la morsa della regolamentazione ha portato al ritiro di molti annunci dalle principali piattaforme. 

Perché il sindaco di Palma 

La squadra di governo di Palma di Maiorca formata da PSOE, Més e Podem ha preso questa misura pioneristica dopo aver rilevato che l'offerta di appartamenti turistici non regolamentati tra il 2015 e il 2017 è aumentato del 50%.

È una misura "per proteggere i residenti", dice il sindaco Antoni Noguera. "C'è un parallelismo tra l'evoluzione del fenomeno delle case vacanza e l'aumento dei prezzi degli affitti residenziali", ha sottolineato l'assessore all'Urbanistica, José Hila.

Negli ultimi anni il prezzo degli affitti è aumentato del 40%, tanto che Palma è diventata la seconda città spagnola in cui i residenti spendono di più in affitto, alle spalle di Barcellona.

Un altro studio, inoltre, ha evidenziato il deterioramento della convivenza condominiale a causa del rumore prodotto dagli appartamenti turistici: le denunce presentate al Ministero del Turismo per problemi tra inquilini sono passate dalle 42 del 2014 alle 192 registrate nel 2017. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Siria: le città che abbiamo perso

Luoghi devastati e resi irriconoscibili da una guerra che dal 2011 uccide le persone e "ferisce" i monumenti. Da Damasco ad Aleppo. E poi Homs, fino a Bosra

La città del futuro? Sarà illuminata dalla società

Conoscere le dinamiche sociali può aiutare i progettisti a migliorare la vivibilità degli spazi urbani. Anche grazie alla luce

Brexit, le città preferite da grandi banche e compagnie in fuga da Londra

L'esodo dalla City inglese è iniziato. Ma nella gara tra metropoli dell'Eurozona Milano resta a guardare a favore di Parigi e Francoforte

Commenti