Washington D.C.: la capitale dell'infedeltà coniugale

Per il secondo anno consecutivo la città conquista il titolo. Dopo, le texane Austin e Houston

National Mall di Washington (Ansa/Justin Lane)

Michele Zurleni

-

La città con una delle percentuali più basse di divorzi negli Stati Uniti è anche la città dove si registra il numero più alto di scappatelle. Da capitale amministrativa a capitale dell'infedeltà (coniugale) il passo è breve. Il dato non è scientifico, ma quasi. Ed è offerto da Ashley Madison, un società specializzata in incontri con base in Canada e con più di 10 milioni di persone registrate in tutto il mondo, sei delle quali negli soli Stati Uniti,  il cui motto è "La vita è breve, concediti un'avventura, che anche quest'anno, alla vigilia di San Valentino, ha reso nota la speciale classifica. Che è basata sul numero di nuovi iscritti.

Per il secondo anno consecutivo, Washignton D.C. è al top perché nel 2012 sono state 34,157 i residenti nella capitale che si sono registrati ad Ashley Madison, quasi trenta ogni giorno, con i picchi più importanti al lunedì. Saranno stati ispirati da vicende come quella che ha coinvolto il Generale David Petraeus, ha commentato uno dei portavoce della società canadese, riferendosi allo scandalo che ha portato alle dimissioni dell'allora capo della Cia. "Vivere in una città come Washington - ha proseguito - vuole dire fare parte di una certa cerchia di persone, tra politica e amministrazione, ed è quindi molto importante salvare le apparenze. Un adulterio - ha concluso - è la cosa più normale che possa capitare, una sorta di nuovo stile di vita scelto da chi non può permettersi passi falsi in pubblico."

Una spiegazione che fa comprendere come mai Washington sia anche la città dove si registra il minor numero di divorzi. Record che D.C. si contente da un paio di anni con il Massachusetts (1.8 ogni migliaio di abitanti). Secondo la cultura popolare, la capitale è da sempre regno di intrighi e tradimenti e la speciale classifica dell'Infedeltà tende a confermare questa visione delle cose. Washington aveva vinto anche l'anno scorso. Dodici mesi fa, Ashley Madison parlava di un 3.5 di residenti della città registrati al loro sito. Quasi il doppio rispetto alla Liberal New York.

Non sono certo statistiche, ma solo indicazioni di abitudini e stili di vita, appunto. Nel 2010, una ricerca della National Science Foundation spiegava che il 19% dei maschi americani aveva tradito almeno una volta la promessa fatta nel matrimonio. Una percentuale più bassa di qualche punto rispetto a quella delle donne: il 14%.

Ma perché Ashley Madison rende nota la sua classifica alla vigilia di San Valentino? Per ovvi motivi di marketing. La società canadese sta cercando di fare passare il 13 di febbraio come "Il Giorno dell'Amante". "Quando si avvicina il 14 febbraio, il giorno delle coppie, noi ricordiamo ai nostri clienti di tenere a mente i loro amanti, magari il giorno prima. Perché se te lo scordi, dopo il 14 potresti non volerlo più " - dice il presidente di Ashley Madison, Noel Biderman.

Sarà, ma sono le cifre offerte dalla stessa società canadese a smentire questa visione. Pare che il 15 febbraio, ogni anno, ci sia un boom di iscrizioni al sito negli Stati Uniti: il 439% in più rispetto agli altri giorni. Magari saranno cuori solitari, forse saranno mariti e mogli affettuosi. Comunque sia, sono persone probabilmente deluse da San Valentino.

© Riproduzione Riservata

Commenti