Obama: un piano per il diritto agli straordinari pagati

In arrivo norme federali che estendono le garanzie a oltre 5 milioni di lavoratori attualmente esclusi

barack obama

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama – Credits: Getty Imagines / Mark Wilson

Redazione

-

Barack Obama pubblicherà nei prossimi giorni un piano per estendere le norme che garantiscono il pagamento automatico degli straordinari a oltre 5 milioni di lavoratori americani che attualmente non ne hanno diritto.

In sostanza, oggi, chi viene pagato più di 23.660 dollari all'anno non ha la garanzia che gli vengano versati gli straordinari per le ore di lavoro che superano le 40 ore settimanali. Secondo le nuove regole volute dal governo la soglia verrà innalzata a 50.400 dollari e ogni ora di lavoro straordinario verrà pagata una volta e mezza il salario "normale".
La soglia attuale di 23.660 dollari era stata fissata da George W Bush.
Il nuovo decreto dovrebbe essere nei prossimi giorni.

In questo modo, verrebbero protetti maggiormente i lavoratori con redditi bassi, spesso sotto la linea della povertà.

Il presidente aveva annunciato la riforma dell'overtime lo scorso anno e in un intervento sull'Huffington Post questa settimana ha delineato il senso del provvedimento. "Troppi americani, ha scritto, "lavorano a lungo con una paga inferiore a quella che spetterebbe loro".

I dettagli del provvedimento nelle prossime ore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Obama scavalca il Congresso e alza il salario minimo

Il presidente sfida Capitol Hill su uno dei temi più controversi. L'aumento della paga minima oraria varrà solo per i dipendenti federali

Salario minimo: i limiti della riforma di Obama

Secondo un'analisi del New York Times, gli aumenti decisi dal presidente americano sono poca cosa, se confrontati con quelli del passato

Ikea, negli Stati Uniti il salario minimo aumenta fino a 17%

La multinazionale svedese si affida al Mit per calcolare i nuovi stipendi dei dipendneti, modificandoli città per città

Commenti