Esteri

Obama chiede scusa a Medici senza Frontiere

Il presidente Usa si è detto "profondamente colpito" dal bombardare dell'ospedale di Msf in Afghanistan. E ha assicurato trasparenza sulle responsabilità

Obama

Redazione

-

Alla fine le scuse per le bombe americane sull'ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan sono arrivate. E a porgerle ai vertici dell'organizzazione umanitaria, ma anche al presidente afghano Ashraf Ghani, è stato Barack Obama in persona.

LEGGI ANCHE: Cosa è successo in Afghanistan


Dalla Casa Bianca sono partite due telefonate, in cui il presidente statunitense si è detto profondamente colpito dal tragico errore, assicurando il massimo della trasparenza sulle responsabilità. E per individuare queste ultime il Pentagono ha avviato un'indagine che farà luce su quanto accaduto. E su come un errore così grave possa essere stato compiuto dai vertici militari Usa che coordinano le operazioni in Afghanistan.

 

"Sarà un'indagine completa e trasparente", ha confermato da Roma dove è in visita il segretario americano alla Difesa, Ash Carter. "Appena arriveranno i risultati - ha aggiunto - gli Stati Uniti si assumeranno tutte le loro responsabilità". E già si parla anche della possibilità di un risarcimento non solo per i danni, ma soprattutto per le vittime, quelle "vite innocenti" - come le ha definite lo stesso Carter - spente per sbaglio nel corso di un raid Usa.

Il presidente di Medici senza frontiere, Joanne Liu, ha detto di aver apprezzato la chiamata di Obama. Ma insiste su un punto: serve un'inchiesta indipendente sui fatti di Kunduz, affidata alla Commissione internazionale sui diritti umani, come previsto dai protocolli aggiuntivi alle convenzioni di Ginevra. "Questo - ha aggiunto Liu - è l'unico organo che può lavorare alla verità, istituito specificamente per investigare le violazioni del diritto internazionale umanitario".

Intanto, per quel che riguarda la permanenza delle truppe Usa in Afghanistan anche dopo il 2016, oramai sembra più di un'ipotesi. Sarà la Nato a prendere "gli impegni necessari per garantire la nostra continua presenza nel futuro immediato" dell'Afghanistan, ha spiegato Carter. Aggiungendo però come una cosa sia certa: "Non ci sono dubbi che questo succederà. Faremo in modo che vi siano contingenti e strutture necessarie ad una transizione autosufficiente" del Paese.

Più cauta sulla possibilità di un proseguimento della missione oltre i termini stabiliti è stata il ministro della Difesa Roberta Pinotti. "Abbiamo valutato la situazione e sottolineato che dopo tutto il lavoro fatto non lasceremo solo l'Afghanistan", ha spiegato, sottolineando che "l'impegno a sostenere le forze armate afghane anche finanziariamente è un prezzo per garantire la sicurezza di quel Paese". Ma al momento, ha concluso, "non ci sono decisioni nuove o diverse".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Afghanistan: prove di dialogo tra il governo e i talebani

La nuova leadership talebana apre ad accordi con il governo afghano. Possibilità reale o fumo negli occhi?

Afghanistan, la battaglia per Kunduz e la risposta di Obama ai talebani

Ripensare il disimpegno dopo la nuova offensiva taliban. Il Pentagono era sempre stato scettico sul ritiro affrettato delle truppe. Forse a ragione

Afghanistan, la guerra riprende: battaglia per Kunduz - Foto

Dopo la riconquista della città da parte dei talebani, è iniziata la controffensiva delle forze locali e delle truppe NATO

Commenti