Redazione

-

Quattro ore è durato l'inferno nella notte del 30 gennaio a Dalori, villaggio nigeriano attaccato e dato alle fiamme dagli integralisti islamici di Boko Haram. Nelle casupole rase al suolo sono morti a decine, molti bambini sono stati bruciati vivi e chi fuggiva veniva falciato a colpi di mitra. Il bilancio delle vittime non è ancora definitivo, finora sono stati contati 85 morti e un centinaio di feriti, molti gravemente ustionati.

E anche il confinante Ciad ha pagato il suo tributo di sangue ai terroristi nigeriani: stamattina, mentre nella giungla di Dalori si cercavano ancora eventuali superstiti, tre kamikaze si sono fatti esplodere in due villaggi sulle rive del lago Ciad. Hanno ammazzato nove persone tra cui cinque bimbi che stavano giocando in un campo di calcio, 52 i feriti.

Il primo a raccontare la strage di Dalori, situato a una decina di chilometri di Maiduguri, capoluogo dello stato nord-orientale di Borno, è stato un sopravvissuto: era in strada quando i Boko Haram verso le 7 di sera hanno fatto irruzione a Dalori, ha sentito il rombo delle motociclette e di un camion che si avvicinavano, si è arrampicato su un albero e lì è rimasto, impietrito, per tutta la notte. Ha visto i miliziani lanciare bombe incendiarie dentro le case, ha sentito le urla della gente che bruciava tra le fiamme. "C'erano anche grida disperate di bambini", ha detto ai soccorritori arrivati troppo tardi e ai soldati che nelle strade hanno trovato decine di cadaveri carbonizzati o ammazzati a colpi d'arma da fuoco.

Nella giungla sono stati invece recuperati quasi un centinaio di feriti, molti in gravi condizioni, alcuni mutilati. C'erano anche tre donne kamikaze tra chi, in preda al panico, correva via dalle abitazione incendiate. Tre kamikaze lasciate a confondersi tra la gente in fuga dai combattenti che si ritiravano dopo la carneficina: si sono fatte esplodere uccidendo altre donne, altri bambini, altri uomini inermi. Soprattutto nell'area prossima a Dalori, dove negli ultimi mesi le associazioni umanitarie hanno allestito un campo tendato per gli sfollati che ormai non sanno più dove rifugiarsi, mentre l'esercito del governo centrale guadagna terreno ma non porta sicurezza e i Boko Haram sempre più spesso trasferiscono la loro guerra sanguinaria nei paesi vicini: Camerun, Ciad, Niger e Benin


20.000 morti e 2,5 milioni di profughi è il bilancio di quasi sette anni di guerra iniziata dai Bako Haram come rivolta anti-governativa, e poi sempre più radicalizzatasi fino a fondersi nella furiosa jihad dello Stato islamico.

Gli attentati di stamattina in Ciad sono gli ultimi "esportati" sulle rive dell'omonimo lago: un primo kamikaze è arrivato a bordo di una motocicletta e si è fatto saltare in aria a Guittè. Due donne invece si sono fatte esplodere a Mitte'rine', vicino ad un campetto di calcio, dopo essere state individuate dalle milizie di autodifesa costituite proprio per fronteggiare le incursioni dei Boko Haram. Hanno ucciso anche cinque bambini che correvano dietro un pallone. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Isis-Boko Haram, il patto del terrore che spaventa l’Africa

Propaganda, alleanza militare e campi di addestramento sono il primo segnale di un'intesa molto pericolosa tra i due gruppi

La vera storia di Boko Haram secondo Mike Smith

Come un piccolo gruppo che agli albori si occupava di educazione islamica possa arrivare a minacciare tutta l'area: tutta la verità in un libro

La guerra contro Boko Haram e le promesse di Buhari

Dal Benin il presidente promette di sconfiggere gli islamisti entro la fine del 2015. Tradirà il popolo nigeriano come ha fatto il predecessore Jonhatan?

Nigeria, liberati centinaia di ostaggi catturati da Boko Haram

Sono 338 i prigionieri salvati nella foresta di Sambisa nella parte nord-orientale del Paese. Ma gli islamisti minacciano gli Stati limitrofi

Nigeria, ancora una strage firmata Boko Haram

I morti sarebbero almeno 80 in una serie di attentati fra Maiduguri e Magdali nel nord est del paese

Commenti