Redazione

-

Dopo quasi 9 mesi dal devastante terremoto che il aprile 2015 ha colpito il Nepal, causando la morte di circa 9.000 persone, lo scorso 16 gennaio il Nepal ha lanciato il piano di ricostruzione. Il programma, chiamato National Reconstruction Campaign, era stato più volte rimandato a causa di divergenze tra i partiti politici.

L'iniziativa è stata presentata dalla Presidente Bidya Bhandari e dal Primo Ministro KP Oli da due diverse zone terremotate: dal Rani Pokhari Temple di Kathamndu e dalla città di Bungamati. Per darle il via stata scelta un'ora precisa, le 11,56 del mattino, quella in cui nell'aorile dell'anno scorso avvenne la scossa di magnitudo 7.8 gradi, con epicentro a Gorkha.

Lo scorso dicembre era stata creata l'Autority per la ricostruzione nazionale, che dovrà gestire i fondi per i terremotati. I sopravissuti dovranno aspettare tre mesi per avere i primi risarcimenti. I donatori hanno promesso 4,1 miliardi di dollari, ma secondo la Commissione nazionale per il Piano (Npc) occorrono 6 miliardi di dollari e cinque anni per ricostruire il Paese.

Il queste fotografie di Narendra Shrestha, ecco un sguardo sulla vita quotidiana della popolazione colpita dal sisma, che sta facendo i conti con il rigido inverno nepalese. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nepal, il nuovo presidente è donna e comunista

La nomina di Bidya Devi Bhandari, leader del partito marxista, segna una svolta nella vita politica dell'ex monarchia

Ritorno in Nepal, 6 mesi dopo il terremoto - Foto

"La ricostruzione è ferma. Oltre 80.000 famiglie sono senza riparo", denuncia Oxfam, al lavoro in 7 dei distretti colpiti

Fabbrica di mattoni nel Nepal distrutto

Operai al lavoro a Bhaktapur per la ricostruzione del Paese dopo il terremoto, in una corsa contro il tempo prima dei monsoni estivi

Il Nepal dopo il terremoto, tra macerie e preghiere

Il reportage di Chris McGrath nel distretto di Kathmandu, il secondo più colpito dal sisma del 25 aprile

Nepal, la vita quotidiana dei bambini dopo il terremoto

Dal distretto di Dolakha, uno dei più colpiti del sisma, un reportage ci racconta il lento ritorno alla normalità dei più piccoli

Commenti