Redazione

-

Il Nepal è nella morsa micidiale di piogge monsoniche torrenziali, straripamenti di fiumi e inondazioni, che hanno flagellato le pianure meridionali e le colline orientali. I morti sono almeno 80, mentre decine di migliaia di persone hanno subito danni totali o parziali alle case. 

Circa 600 turisti domenica 13 agosto erano rimasti bloccati, nell'area del parco naturale di Chitwan, a Sauraha, che con i suoi rinoceronti è un'attrattiva popolare. Il fiume Rapti è esondato inondando hotel e ristoranti. L'indomani, grazie ad operazioni di soccorso avvenute soprattutto per mezzo di elefanti, sono riusciti ad abbandonare la zona.

Le alluvioni e conseguenti frane avevano colpito anche altri due Paesi dell'Asia meridionale, Bangladesh e India: in tutto il bilancio è di 252 morti e almeno 20 dispersi.    

Il numero più alto di vittime causato da frane e crolli di edifici è stato registrato nello Stato settentrionale indiano di Assam, dove negli ultimi giorni almeno 2.250.000 persone sono state colpite in varia misura, con un bilancio di almeno 99 morti.    

Nello Stato settentrionale indiano di Himachal Pradesh, sabato 12 agosto, nella notte, una frana provocata dai temporali si è abbattuta su due autobus che sostavano su una piazzola di sosta lungo la statale Mandi-Pathankot.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nepal, giochi nel fango per la festa della risaia

Come ogni anno, il Paese himalayano ha celebrato l'inizio della stagione della semina

A 68 anni torna a scuola. Succede in Nepal

E' la scelta di Durga Kami, il più anziano studente del Paese

Nepal, la vita quotidiana dei nomadi Raute

Un reportage del fotografo Ram Paudel tra i membri della piccola tribù che vive nelle foreste del Paese himalayano

Commenti