Molestie e diffamazione: la nuova denuncia di Summer Zervos contro Trump

La donna, che aveva detto di essere stata molestata da The Donald, sporge denuncia per essere stata definita "una bugiarda in cerca di pubblicità"

Gloria Allred Holds Press Conference With Donald Trump Accuser

Summer Zervos,la donna che sostiene di essere stata molestata da Trump – Credits: David McNew/Getty Images

Summer Zervos, una delle dieci donne che durante la campagna elettorale hanno accusato Donald Trump di molestie, ha presentato una denuncia per diffamazione nei confronti del presidente americano entrante.

Ex partecipante del tele-reality portato al successo dal miliardario americano, The Apprentice, la Zervos, che si è rivolta al tribunale di New York, ha motivato il suo gesto, durante un una conferenza stampa organizzata a Los Angeles, sostenendo che le smentite di Trump e le sue ripetute accuse di essere una bugiarda in cerca di visibilità le hanno creato un danno economico ma anche emotivo.

Leggi anche: Altre accuse di donne contro Trump

La donna ha aggiunto che ritirerà la denuncia «immediatamente» e senza chiedere compenso economico se Trump si dimostrerà disponibile a ritrarre le sue dichiarazioni «false e diffamatorie»«È stato stato Donald Trump a mentire quando ha negato la sua condotta predatoria contro  Summer Zervos, deridendola e sostenendo che la nostra assistita abbia diffuso una menzogna con il solo scopo di cercarsi pubblicità» scrive il dispositivo che è stato presentato a New York. «È lui il bugiardo, bugiardo e misogino» ha detto la donna a LA.

L'avvocato di Summer Zervos è Gloria Allred, una veterana dei diritti delle donne, che ha dichiarato che prenderà parte insieme alla sua assistita alla marcia di Washington il 21 gennaio 2017, il giorno successivo l'atteso insediamento di Donald Trump. Una frase che ha scatenato i fan di Trump e i suoi portavoce che hanno cominciato a ribattere che si tratta solo di un attacco politico.

I fatti contestati risalgono al dicembre 2007, nell'ufficio di Trump a New York. La donna aveva accusato il tycoon di averla baciata senza il suo consenso nel suo ufficio a New York e in seguito di averla di nuovo palpeggiata e baciata in un hotel di Beverly Hillls, in California.

IL VIDEO DELLO SCANDALO
Durante la campagna elettorale, nel mese di ottobre, spuntò un video che fece molto clamore, dove il protagonista era lo stesso Trump che, intrattenendo su una corriera il conduttore Billy Bush, spiegò quale era la sua tattica per conquistare le donne. Il videotape risale al 2005 e ha avuto una grande diffusione su Internet. «Io sono attratto dalle belle donne. Quando ne vedo una comincio a baciarla. Per me sono come una calamita. Non attendo nemmeno. E se sei una star ti lasciano fare quello che vuoi ... afferrale dalla f... Puoi fare loro qualsiasi cosa se sei famoso».  La Zervos fu una delle donne che denunciò Trump dopo l'apparizione del video choc.

© Riproduzione Riservata

Commenti