Redazione

-

Con la chiusura della porta dei Balcani occidentali al flusso dei migranti, si accentuano i timori tra i Paesi europei per l'attivazione di nuove rotte. Dopo Slovenia e Serbia, anche Macedonia e Croazia hanno varato un nuovo giro di vite ai propri confini, in una reazione a catena, di fronte alla quale l'Ungheria ha dichiarato "lo stato d'emergenza" per il pericolo di "migrazioni di massa" e deciso il rafforzamento delle frontiere con l'invio di 1500 militari.

- LEGGI ANCHE: Emergenza profughi, un'agenzia federale per il diritto d'asilo

- LEGGI ANCHE: Accordo Ue-Turchia, tutto da mettere in pratica

 

I numeri

Nei paesi balcanici ci sono almeno 10.000 migranti, entrati illegalmente avverte il ministro dell'Interno magiaro Sandor Pinter. "Non sappiamo che tipo di reazione potranno avere. Non sappiamo in quale direzione inizieranno a muoversi. Per questo, se necessario, dobbiamo essere pronti a difendere le nostre frontiere in modo efficace", avverte.

Nuove rotte

Un aereo di Frontex monitora il tratto di mare tra Albania e Italia, spiegano fonti Ue all'Ansa. Ma anche se la vigilanza è alta, per il momento non si osservano movimenti particolari sulla rotta adriatica. I trafficanti di esseri umani però si stanno organizzando, e già offrono viaggi attraverso Bulgaria e Romania. Budapest è pronta a costruire un "muro" di filo spinato anche lungo il confine romeno, se necessario.

Persino Estonia, Lettonia e Lituania stanno pensando di blindare i confini con una barriera, nella preoccupazione che numeri consistenti possano muoversi sulla cosiddetta rotta artica, attraverso la Russia. Renatas Pozela, comandante delle guardie di frontiera lituane spiega: "Fino allo scorso anno, né la Norvegia, né la Finlandia hanno mai avuto problemi di immigrazione sulla frontiera russa, poi i flussi su quel confine sono saliti in una sola settimana, come per magia".

La Grecia

In Grecia continua invece l'emergenza: sono 40mila i migranti nella penisola ellenica. La situazione è particolarmente grave nel nord del Paese, con circa 20mila persone, per lo più famiglie, in attesa vicino al confine macedone, dove le condizioni sono insostenibili. Centinaia di profughi del centro di Idomeni hanno messo in atto una protesta contro la decisione di chiudere la rotta dei Balcani, che il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ha sottolineato "è stata presa a 28". Secondo fonti Ue queste persone dovranno essere suddivise. Chi ha diritto alla protezione internazionale potrà chiedere l'asilo per restare in Grecia o essere ricollocato, gli altri saranno rinviati nel Paese di provenienza (la Grecia si è accordata con la Turchia per poterlo fare) o in quello di origine.

L'incontro dei ministri

In tutto questo il ministro dell'interno croato Vlaho Orepic ha annunciato che sono già iniziate le procedure per rinviare in Grecia i 408 migranti che si trovano nel centro di accoglienza di Slavonski Brod. Del quadro complessivo parleranno oggi i ministri dell'Interno dell'Ue, impegnati anche a discutere di terrorismo e a trovare un accordo sull'agenzia delle Guardie di frontiera europee ad aprile, con l'obiettivo di chiudere il negoziato con l'Europarlamento entro giugno.

Intanto gli ambasciatori dei 28 hanno iniziato a negoziare sull'accordo con la Turchia, ma le trattative - spiegano fonti europee - andranno avanti fino all'ultimo minuto prima del vertice dei leader del 17 e 18 marzo, dove sul tavolo planerà anche la comunicazione della Commissione Ue sulla revisione di Dublino (sarà presentata il 16 marzo), con cui si proporranno quattro scenari possibili per avviare il dibattito. Per dare una cifra di quanto sia complicata la discussione sull'accordo con Ankara, fonti diplomatiche spiegano che i tre miliardi aggiuntivi richiesti al momento appaiono lo scoglio minore.(ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti