È impressionante. Non tanto l'operazione di "copia-incolla" quanto il fatto che la signora Trump pensasse di farla franca. La somiglianza tra il suo discorso ieri alla convention di Cleveland, e quello di Michelle Obama a Denver nel 2008 è inequivocabile, non lascia dubbi. Basta guardare questo video della CNN.

Mentre sui social infuria l'ironia, fonti vicine al magnate Donald Trump lo descrivono furioso mentre alla Casa Bianca le bocche restano cucite.

Del resto, la classe e l'eleganza non sono banalità. E Michelle Obama (non ce ne voglia Melania Trump) ne ha da vendere.

"Ridatemi il discorso", si ironizza su Twitter con la foto di Michelle. E l'ironia dei social esplode con l'hashtag #MelaniaSpeeches

Ma veniamo allo "speech" di Melania Trump: la citazione più letterale è quella usata dall'aspirante first lady per descrivere i valori che le sono stati insegnati dai suoi genitori, cioè il fatto che si deve "lavorare duramente per ciò che si vuole nella vita, che le promesse vanno mantenute, che si deve fare ciò che si dice e che si deve trattare la gente con rispetto" nonchè l'importanza di trasmettere questi valori "alle future generazioni perchè vogliamo che i nostri figli sappiano che il limite per i nostri traguardi è rappresentato dalla forza dei nostri sogni e dalla volontà di realizzarli".

Si può anche discutere sul fatto che la signora Trump rappresenti o meno quegli stessi valori, ma ciò che lascia sbigottiti resta il fatto che l'aspirante First Lady abbia dichiarato più volte di aver scritto il suo discorso "personalmente" rendendo ancora più imbarazzante la situazione.

"Melania e il suo team hanno preso appunti sulle fonti di ispirazione della sua vita, includendo, in alcuni casi, il suo pensiero", ha sottolineato il portavoce Jason Miller, lasciando intendere che non sia stata lei l'autrice. "È stato un onore introdurre mia moglie - ha commentato Trump via Twitter sull'onda delle polemiche - il suo discorso e il suo atteggiamento sono stati formidabili". Palesemente indignato il capo della Repubblican National Committee che avrebbe già "licenziato" il responsabile del plagio. E chissà che non accada davvero.

© Riproduzione Riservata

Commenti