Un uomo completamente vestito di nero con una maschera bianca in volto e con indosso un giubbotto antiproiettile ha ucciso 26 persone e ne ha ferite più di 20 sparando nella First Baptist Church di Sutherland Springs, in Texas, a circa 30 miglia a est di San Antonio.

Nella chiesa sono stati trovati 23 corpi, e due appena fuori dall'edificio. Un'altra persona è morta nel tragitto verso l'ospedale.

CHI È IL KILLER

L'uomo è stato identificato come Devin Patrick Kelley, un bianco di 26 anni. Kelley era nell'Air Force Usa e aveva lavorato in una base in New Mexico. Nel 2012 era stato deferito alla corte marziale per violenze gravi alla moglie e al loro figlio. Condannato a 12 mesi di reclusione è stato e estromesso dall'Air Force nel 2014.
Kelley viveva a New Braunfels, a circa 35 miglia da Sutherland Springs.

Negli ultimi mesi Kelly aveva litigato con la suocera, come testimoniano alcuni sms di mincaccia inviatele. La donna in passato aveva frequentato la chiessa assaltata domenica da Kelly.

IL MOVENTE

A quanto sembra, sullo sfondo della tragedia ci sarebbe una lite del killer con la suocera: era arrabbiato e le aveva inviato un sms minaccioso la mattina stessa della strage.

UCCISO IN AUTO

Dopo la sparatoria, Kelley ha abbandonato il fucile d'assalto Ruger che ha usato ed è fuggito in auto. È stato poi trovato morto del veicolo col quale è fuggito. L'auto, inseguita prima da un uomo che aveva assistito a parte del massacro e poi dalla polizia, è finita fuori strada. Ancora non è chiaro se a uccidere Kelley sia stato l'incidente stradale o il civile che lo ha inseguito e che gli ha ripetutamente sparato.
Dalle evidenze rivelate dalla polizia sembrerebbe che Kelly si sia sparato, uccidendosi.
Le autorità del Texas hanno anche rivelato che Kelly ha fatto una chiamata dal suo telefono cellulare al padre, dicendogli che era stato colpito e ce non credeva di potersela cavare.
La polizia ha anche recuperato sull'auto varie armi appartenenti a Kelly. Un fucile Ruger, una pistola Ruger 22 e una 9mm. È risultato che ne avesse acquistate altre due in Colorado e due in Texas dal 2014 al 2017.

LA DINAMICA DELLA SPARATORIA

Poco prima delle 11:20 di domenica 5 novembre, Kelley è stato visto a una stazione di servizio non lontana dalla chiesa. Arrivato alla First Baptist Church ha lasciato l'auto appena fuori e ha iniziato a sparare; ha camminato sulla destra della chiesa e poi dentro, continuando a far fuoco.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti