Esteri

Marò: la Corte Suprema indiana discuterà un nuovo permesso per Latorre

I giudici indiani hanno accettato di esaminare la richiesta dei legali del fuciliere della Marina. Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario generale dell'Onu, che si è detto preoccupato

maro

Redazione

-

Previsto per il prossimo lunedì, il ritorno in India di Massimiliano Latorre potrebbe essere posticipato, per permettere al marò di svolgere in Italia la convalescenza dell'intervento al cuore subito l'altroieri e curare le conseguenze dell'ictus avuto a settembre.

La richiesta per l'estensione del permesso malattia concesso a Latorre è stata presentata oggi dai legali del fuciliere e non ha una data specificata. In risposta, la Corte suprema indiana ha accettato di discutere lunedì prossimo la nuova istanza, cioè lo stesso giorno in cui, alla mezzanotte, scadrà l'autorizzazione di quattro mesi concessa a settembre.

Sullo sfondo, intanto, rimangono le polemiche diplomatiche tra Italia e India, dominate dalla pressione del partito di opposizione sul governo affinché a prevalere sia la linea dura. Sulla vicenda è intervenuto anche un portavoce dell'Onu, che ha definito "preoccupata" la posizione del segretario generale Ban Ki-moon.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La verità sul malore di Latorre

Ricoverato in neurologia a New Delhi per un attacco ischemico, ma non in pericolo di vita: le indiscrezioni sulla salute del marò prigioniero con Girone in India da due anni e mezzo - Marò: la vicenda

Latorre e Girone: l'India cerca una exit strategy

Dopo l’ennesimo rinvio, il premier indiano Modi cerca una soluzione onorevole per il caso marò

Marò, Latorre operato al cuore a Milano

L'intervento ha avuto un esito positivo. Il fuciliere della Marina dovrà rientrare in India entro lunedì prossimo

Commenti