Redazione

-

Si è concluso con un militare del Mali e due presunti terroristi uccisi l'attacco alla base della missione delle forze delle Nazioni unite (Minusma) a Timbuctù. Lo hanno riferito fonti di polizia, ancora impegnate nella cattura degli altri uomini che, muniti di razzi e armi automatiche, hanno assalito oltre che la postazione militare dell'Onu anche l'hotel Palmeraie, all'ingresso del quale è stata fatta esplodere un'auto-bomba. 

- LEGGI ANCHE: Mali, martoriato da guerre e fondamentalismo

- LEGGI ANCHE: Mali, la strage nell'hotel degli stranieri

Nel mirino degli aggressori c'erano anche un checkpoint dell'esercito e la residenza del governatore. La regione nord-occidentale del Mali, a nord del fiume Niger, è una roccaforte di diversi gruppi jihadisti locali o legati ad Al Qaeda nel Maghreb islamico.

© Riproduzione Riservata

Commenti