L'Unesco nega ancora il legame tra Israele e Gerusalemme

Una nuova risoluzione, dopo le polemiche, ribadisce l'assenza del legame millenario tra gli ebrei e i luoghi sacri della città tre volte santa

israele ebraismo gerusalemme

Gerusalemme, fedeli ebrei al Muro occidentale – Credits: MENAHEM KAHANA/AFP/Getty Images

Il comitato del patrimonio mondiale dell'Unesco ha approvato oggi una risoluzione - dopo le polemiche della scorsa settimana  - che nega nuovamente il legame millenario tra gli ebrei e i luoghi sacri di Gerusalemme. Il voto si è svolto a scrutinio secreto. Dieci hanno votato a favore, due i contrari e otto gli astenuti. Il testo approvato fa riferimento ai luoghi sacri di Gerusalemme con la sola denominazione musulmana. Dal testo sparisce il Muro del Pianto e rimane solo la  Spianata delle Moschee. 

La nuova risoluzione denuncia i "danni materiali" perpetrati da Israele, come già nelle precedente risoluzione adottata la settimana scorsa dall'Unesco. Leggendo però a chi spettano i seggi dei 21 membri del comitato tutto si fa più chiaro: Angola, Azerbaigian, Burkina Faso, Croazia, Cuba, Finlandia, Indonesia, Giamaica, Kazakistan, Kuwait, Libano, Perù', Filippine, Polonia, Portogallo, Repubblica di Corea, Tanzania, Tunisia, Turchia, Vietnam, Zimbabwe.

Obiettivo del comitato è concedere un'assistenza finanziaria in funzione delle richieste degli Stati membri ed esaminare, tra l'altro, lo stato dei siti iscritti al patrimonio mondiale.

In questi ultimi giorni il ministero degli Esteri israeliano aveva moltiplicato le missioni diplomatiche per ottenere che i 21 membri votassero contro la risoluzione.

Lo stesso premier Matteo Renzi ha parlato, a proposito della risoluzione della scorsa settimana, di una decisione allucinante che non tiene conto del legame ultrasecolare di Gerusalemme con i propri luoghi santi. Lo status di Gerusalemme - città contesa e considerata sacra da tutte e tre le religioni monoteiste - è al centro dal 1967 di una feroce disputa politica e religiosa tra Israele (che l'ha eletta a capitale dopo la vittoria nella guerra dei Sei Giorni senza peraltro ottenere l'approvazione dell'Onu), e Autorità Nazionale Palestinese. 

Riesplode la guerra sullo status di Gerusalemme
© Riproduzione Riservata

Commenti