Redazione

-

Ore 12:45 - Thomas Mair, l'uomo arrestato per l'omicidio di Jo Cox, aveva comprato dei libri dal gruppo neonazista americano National Alliance; in particolare dei manuali per la costruzione di armi e esplosivi. Lo riporta il sito della The Southern Poverty Law Center (SPLC) che pubblica anche le ricevute degli acquisti effettuati.

La polizia intanto ha confermato che un uomo è stato arrestato in marzo dopo che Jo Cox aveva denunciato di aver ricevuto messaggi di insulto e minaccia.
L'uomo arrestato però non era Mair.

Gli addetti del poligono di tiro di Mirfield, che si trova a sei miglia da Birtstall, sostengono che Thomas Mair non era loro cliente. Secondo il Guardian, uno degli impiegati ha detto di aver verificato gli archivi e di non aver trovato traccia di Mair.

Le cose che sappiamo finora

- LEGGI ANCHE: Chi era Jo Cox, speranza del Labour con la passione per i diritti umani 

----

OMICIDIO COX, LE COSE CHE SAPPIAMO FINORA

17 giugno 2016 - Jo Cox, 41 anni, parlamentare a Londra del Partito laburista è morta in seguito alle ferite causate da colpi di arma da fuoco e alcune pugnalate che l'hanno raggiunta mentre si trovava nella stada, davanti alla biblioteca pubblica di Birstall, West Yorkshire, dove aveva appena concluso alcuni degli incontri che teneva regolarmente con gli elettori del distretto dove era stata eletta nel 2015.

- Thomas Mair, 52 anni è l'uomo arrestato per l'assassinio di Jo Cox.
Mair vive a Birstall era noto per problemi di salute mentale. Secondo alcune fonti però ha anche alcuni legami con gruppi estremisti di destra.
Alcuni testimoni hanno detto che poco prima di attaccare Cox avrebbe urlato "Britain First", uno slogan, che rimanda alla galassia nera dell'estremismo nazionalista.


- Un uomo di 77 anni intervenuto per difendere Jo Cox è rimasto ferito, anche se in modo non grave.

- Secondo la polizia, l'uomo che tre mesi fa è stato indagato delle autorità per aver mandato messaggi minacciosi e insulti a Jo Cox non è Mair né sono per ora emersi legami fra i due.

- Il Times riporta che per queste minacce la polizia stava considerando la possibilità di affidare una scorta a Jo Cox, sia a Birstall sia nei pressi della sua abitazione, la houseboat sul Tamigi.

© Riproduzione Riservata

Commenti