Esteri

L'esercito di Assad avanza verso Aleppo est

Diecimila persone hanno lasciato le loro case, dopo che le truppe governative sostenute da Hezbollah hanno conquistato un terzo della zona orientale

TOPSHOT-SYRIA-CONFLCIT

L'esercito siriano, appoggiato dagli Hezbollah libanesi, ha strappato ai ribelli due importanti quartieri di Aleppo Est.

Diecimila persone hanno abbandonato le loro case, fuggendo in parte verso le zone controllate dai governativi ad Aleppo Ovest, in parte verso altri quartieri ancora in mano agli insorti.

Da Ovest sono invece avanzate, nel quartiere di Bustan al-Basha, le forze curde dello Ypg, che ad Aleppo sono alleate con il regime di Assad contro i gruppi ribelli islamisti, in particolare quello di Ahrar al-Asham, appoggiato dalla Turchia.  I ribelli hanno ormai perso la zona nordorientale della città.

Ora controllano solo un terzo di Aleppo  dove vivono, secondo le stime più accreditate, dai 200 ai 250 mila abitanti, contro il milione e mezzo di civili che vivono nei quartieri Ovest. L’avanzata è stata preceduta nelle scorse settimane da pesanti raid dell’aviazione governativa e russa.

L'obiettivo di Damasco è  quello di dividere Aleppo Est in due sacche più piccole, per poi riconquistarla del tutto nelle prossime settimane.  Nei combattimenti, ha riferito l'Osservatorio, sono stati uccisi 219 civili, tra i quali 27 bambini.

L'Isis intanto ha sferrato un attacco nel Nord del Paese, al villaggio di al Rai, colpendo la popolazione civile con un'autobomba che ha ha causato 12 feriti, tra cui 10 bambini.

Il villaggio si trova in un'area destinata a finire presto al centro dell'operazione Scudo dell'Eufrate, con cui la Turchia vuole sostenere l'avanzata del Free Sirian Army contro il 'Califfato'. I 12 feriti sono stati portati in ambulanza all'ospedale della città turca di frontiera di Kilis, distante appena 20 km dal luogo dell'attacco.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti