Esteri

Le ragioni (la sua e la vera) per cui Trump ha annullato una visita a Londra

Avrebbe dovuto inaugurare la nuova ambasciata Usa voluta da Obama: "E' costata troppo, non vado", ha detto. Ma in realtà teme le proteste degli inglesi

Donald Trump e Theresa May

Luciano Lombardi

-

In un’altra giornata di iperattività mediatica sopra le righe, Donald Trump ha annunciato l’annullamento della visita in Gran Bretagna il mese prossimo durante la quale avrebbe dovuto inaugurare la nuova ambasciata statunitense a Londra.

Lo ha fatto nella maniera che gli è più congeniale, via Twitter, spiegando di aver preso la decisione per via del disappunto nei confronti del suo predecessore Barack Obama, il quale avrebbe venduto l'attuale ambasciata - la più bella e meglio posizionata della città - per "noccioline", per costruirne una da 1,2 miliardi di dollari: "Cattivo affare - ha scritto -. Volevano che io tagliassi il nastro? Ma nemmeno per sogno!”.

La vera ragione

Questa la motivazione ufficiale. Secondo i media britannici, The Guardian in testa, dietro la decisione ci sarebbe in realtà il timore di non essere il benvenuto, e diventare oggetto di pesanti proteste degli inglesi.

A creare l’occasione era stata - durante la sua visita negli Stati Uniti dei giorni scorsi - la premier britannica Theresa May, che aveva ipotizzato un intervento del Presidente Usa in Parlamento, per poi vedersi costretta a fare dietro-front di fronte al rifiuto dei parlamentari.

Si era dunque optato per una visita meno formale, in occasione dell’apertura della nuova sede diplomatica a Nine Elms, alla quale avrebbe dovuto poi far seguito una sessione di colloqui tra i due leader.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Accordo sul clima: ecco perché Trump forse ci ripensa

Potremmo considerare la partecipazione al patto, dice, rendendolo più equo, con target di emissioni "meno punitivi" per l'America

Trump: le 5 rivelazioni dal libro scandalo "Fire and Fury"

Trump e il suo stato di salute: tutti i dubbi

Stile di vita, junk food, età e interrogativi sulla sanità mentale del presidente americano che in America fanno molto discutere

Mueller vuole interrogare Trump: il Russiagate vicino alla svolta

La Casa Bianca si è detta favorevole all'eventualità: restano da definire modalità e contenuti dell'incontro

Libro scandalo su Trump: il passo indietro di Steve Bannon

L'ex stratega della Casa Bianca fa ammenda. Ecco cosa ha detto di Donald Jr, del Russiagate e del presidente americano

Donald Trump e il libro scandalo: le 5 rivelazioni più curiose

Dall'origine del ciuffo biondo al gradimento per il cibo di McDonald's. Ecco cosa scrive Michael Wolff in "Fire and fury"

Donald Trump e i dubbi sulla sua salute mentale

Un professore di Yale, chiamato da una parte dei senatori del Congresso, ha analizzato messaggi e gesti del presidente americano

Commenti