Esteri

Le Pen, ecco perché ha copiato Fillon

Le servono i voti di fasce elettorali diverse e lontane. Per questo sta davvero "strizzando l'occhio" a troppi, perdendo la propria identità politica

marine-le-pen

Luigi Gavazzi

-

Cosa è successo

Non sembra preoccuparsi molto Marine Le Pen d'essere stata pescata a ripetere, nel suo comizio di lunedì primo maggio, quasi parola per parola un discorso politico di François Fillon di metà aprile sulle bellezze della Francia, della sua storia, della sua lingua.

Non si scusa, anzi, dice di averlo fatto apposta. Una strizzata d'occhio, dice lei - "clin d'œil" - agli elettori del centro-destra moderato, senza i quali non ha speranze di arrivare all'Eliseo.

Quindi, se gli indignati sostenitori di Fillon l'accusano di voler pigliare i voti in libera uscita del candidato repubblicano escluso dai ballottaggi, lei dice che ha usato proprio il linguaggio del loro leader per mostrare quanto sia aperta e plurale la sua candidatura "da patriota".

Identità politica smarrita

E forse fa bene a non preoccuparsi troppo del discorso copiato, perché ha ben altri guai a cui pensare. Dei quali però il plagio di Fillon è un sintomo evidente.

Sintomo del tentativo di essere goffamente e superficialmente inclusiva di troppe anime politiche, per pescare i voti che le servirebbero.

Quindi sta rivedendo gli slogan, mette la sordina ad alcuni temi, abbandona temi sui quali ha scommesso molto della sua campagna elettorale fin qui, tutta incentrata sul programma e sulla cultura "sovranista", fortemente identitaria, anti-élite e anti Europa.

Euro e pena di morte

Sottolineano gli osservatori come, ad esempio, per usare le parole dell'Ansa, nelle ultime ore si sia accentuato, in casa della leader del Front National, anche il tira e molla sull'uscita dall'Euro. La proposta è sparita dai comizi e dal documento inviato in queste ore agli elettori con il suo volto vicino a quello del premier designato Nicolas Dupont-Aignan.

Poi è stata rilanciata sui media in termini addirittura caotici: una moneta "comune" ma nazionale che il governo creerebbe per le transazioni interne dei cittadini e l'Euro per il commercio internazionale delle imprese. Sfumato anche uno dei vecchi cavalli di battaglia dei Le Pen di tutte le generazioni, il ripristino della pena di morte.

Simao al punto che in Francia già ci si chiede che fine abbia fatto il programma elettorale di Le Pen. Come fa l' →  HuffPost: Que reste-t-il du programme de Marine Le Pen sans la sortie de l'Union européenne et de l'euro?


Troppi voti da conquistare, fra elettori troppo diversi

Per vincere al ballottaggio, Le Pen, come abbiamo visto nei giorni scorsi e ancora ieri, deve conquistare almeno una metà dei voti Mélenchon e praticamente tutti quelli di Fillon, e/o sperare in un clamoroso crollo della partecipazione. Ma la strategia per accreditarsi leader del patriottismo contro il candidato-banchiere sembra portare solo confusione e smarrimento del profilo fin qui mostrato, come dimostrano del resto anche i sondaggi che la danno sempre molto lontana da Macron.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La vittoria di Macron in Francia sarà la vittoria delle riforme in Europa

Non c’è alternativa alla UE ma anche a una ristrutturazione profonda delle istituzioni europee. Il fenomeno Macron indica la strada, ormai obbligata

Marine Le Pen: perché questa donna fa paura

Marine ha ereditato il partito dal padre e lo ha sdoganato dal razzismo. E ora, a un mese da D-Day elettorale, punta alla presidenza della Repubblica

Marine Le Pen e gli ebrei di Vichy deportati: "la Francia non fu responsabile"

La leader del Front National nega che i francesi abbiano avuto un ruolo nella deportazione di 13 mila ebrei francesi del 1942

Marine Le Pen a Marsiglia: le paure dell'ultimo discorso

Il leader del Fn legge e non parla a braccio. È alto il timore che ancestrali idiosincrasie facciano capolino e Marine torni in un istante una Le Pen

Elezioni presidenziali francesi: Macron e Le Pen al ballottaggio

Il fondatore di En Marche! davanti alla candidata del Front National. Il 7 maggio il voto decisivo: sondaggi favorevoli a Macron. Crisi dei partiti storici

Chi è Emmanuel Macron, l'uomo che vuole cambiare la Francia

Dinamico, postideologico ed europeista. Il fondatore di En Marche! è stato eletto presidente della Repubblica

Perché Marine Le Pen può vincere il ballottaggio

Elettori di Mélenchon, astensione e contrapposizione popolo vs élite i punti della strategia. Successo improbabile, ma Macron non può stare tranquillo

Presidenziali francesi: alta tensione al comizio di Marine Le Pen

Insulti, lancio di oggetti, perfino qualche molotov, ieri sera, da parte dei militanti anti-Front National. Il racconto

Commenti