La Francia si interroga su Grillo

Le Monde dedica l'apertura a Casaleggio per capire quello che succede in Italia (e non avere troppa paura)

La prima pagina di Le Monde con Casaleggio

di Francesco Dendena (da Parigi)

«Ma perché ? ... e adesso?». Da tre settimane, sono queste le uniche due domande che i francesi si pongono quando pensano all’Italia. Sintomo di un’incomprensione e di un’inquietudine, che per ora non ha molte risposte. E al centro di tutto c’è il fenomeno Grillo. Ovvero un’incognita, impossibile da capire davvero.

La miglior prova ne è l’ultimo articolo di di Le Monde di ieri che dedica una pagina intera a Gianroberto Casaleggio nel tentativo di capire da dove e cosa voglia venga questo «gorou» così avaro di parole. Senza riuscirci. Casaleggio è presentato nello stesso tempo «un visionario», le cui posizioni fanno «sorridere», e un uomo del sistema legato alle lobby tramite la sua impresa omonima, la Casaleggio Associati, un esperto delle nuove forme di comunicazione e il teorico di una società nuova, «orizzontale». Plebiscitaria più che democratica. Ultratrasparente, ma che controlla attentamente la parola dei suoi partigiani. Un mistero insomma, un mistero impossibile da definire.

Basta leggere gli altri giornali. Da le Figaro a destra a Liberation a sinistra, il fenomeno Grillo e il suo straordinario successo elettorale si riducono a una parola magica: populismo. Populismo dettato dalle politiche di austerità che cosi incautamente l’Europa ha imposto alla Penisola per via di un «tecnocrate» (il termine ricorre), spazzato via dal suffragio universale. Già, allora Grillo e con lui tutta l’Italia diventano un laboratorio politico in cui osservare delle dinamiche democratiche che l’anno prossimo potranno tradursi in voti nelle urne in Francia. Come scrive in un fondo il Nouvel Obervateurs, «se l’Italia cade, l’Europa muore. E noi con lei. Facendoci le beffe di Arlecchino, rischiamo a nostra volta di diventare i buffoni del re».

Beppe Grillo, l’arlecchino di un popolo che gli altri non hanno ascoltato, diventa lo specchio incompreso delle inquietudini francesi.

© Riproduzione Riservata

Commenti