Edoardo Frittoli

-

Il quadrigetto Bae/Avro146 operato da Lamia marche CP-2933 precipitato il 28 novembre 2016 in Colombia con a bordo la squadra di calcio brasiliana del Chapecoense, volò per la prima volta il 26 marzo 1999.

Costruito 17 anni fa a Woodford nel Regno Unito, viene ordinato negli Stati Uniti da Mesaba Airlines, una compagnia regionale della Northwest Airlines, quindi ceduto tramite leasing ad Air France dal 2007 al 2010. Fermo in hangar all'aeroporto di Parigi Charles de Gaulle, viene acquistato da LaMia Venezuela, compagnia privata di charter a capitale misto venezuelano-boliviano, nel 2013. Due anni dopo viene ceduto alla filiale boliviana della compagnia stessa come CP-2933. Equipaggiato da 4 motori a reazione Lycoming LF507-1F, il jet precipitato nei dintorni di Medellin aveva la capacità di 95 passeggeri ed una velocità di crociera di circa 800km/h.

Il Bae146, costruito in Inghilterra dalla Avro (marca del mitico bombardiere "Lancaster") fu progettato alla fine degli anni '70 ed entrò in servizio all'inizio del decennio successivo. Noto per la sua silenziosità, fu tuttavia caratterizzato da un consumo di carburante alquanto elevato per la categoria. Molto utilizzato dai vettori regionali per l'ottima capacità e versatilità nel corto raggio, fu protagonista di 14 incidenti dal 1987 ad oggi, di cui alcuni molto gravi. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Schianto aereo in Colombia. A bordo la squadra di calcio della Chapecoense

Chi sono i giocatori della Chapecoense, la squadra precipitata in Colombia

Dei 77 passeggeri a bordo 48 facevano parte del club che stava per giocarsi la Copa Sudamericana: solo 3 calciatori sono sopravvissuti. Il rientro delle bare

Colombia: niente carburante sull'aereo schiantato con la squadra brasiliana

71 morti e 6 sopravvissuti, tra cui tre calciatori del club in viaggio per la finale di Copa Sudamericana - Il video alla partenza

Commenti