L'intesa di Bruxelles sarà la fine di Tspiras ?

Siryza è destinata a spaccarsi. Probabile la nascita di un governo tecnico ed elezioni anticipate in Grecia

tsipras accordo

Alexis Tsipras – Credits: Ansa / EPA/IAN LANGSDON

Michele Zurleni

-
La fine politica di Alexis Tsipras potrebbe essere dietro l'angolo. Solo un miracolo può tenerlo in sella. Difficile però che accada. La politica a volte è una scienza esatta. Lo sarà anche in questo caso?

Nella drammatica notte di Bruxelles,  il primo ministro si è trovato con la spalle al muro.
Per evitare che la Grecia fosse cacciata fuori dall'euro, ha dovuto accettare un accordo dalle dure condizioni per Atene. Nessuna intesa, nessun prestito ponte, nessuna liquidità nelle banche: in una parola, la Greexit Tsipras l'ha evitata: il suo popolo vuole rimanere nella moneta unica.  Ma per farlo ha dovuto condannare se stesso. 

"Siamo morti, ma combattendo. Speriamo che qualcuno prenda la nostra bandiera in Europa" - dice sconsolata Tonia Tsitsovits, membro del comitato centrale di Siryza.  Come un domino, prevede già l'effetto della caduta delle pedine. La base ora oscilla tra la rabbia e la depressione. La gioia per la vittoria dell'orgoglioso No del referendum, è un lontano ricordo, e per molti, anche dentro Siryza, ora ha sempre più il sapore di un errore politico madornale.

C'è chi si aspettava quello che sta avvenendo. C'è chi pensava che quella consultazione popolare fosse solo l'inizio della fine di Tsipras. Angela Merkel l'aveva calcolato. In fondo, si trattava di una battaglia, non della guerra. Se avesse vinto il Sì, il primo ministro sarebbe stato costretto alle dimissioni. Ma anche con la vittoria del No, il destino del leader di Siryza poteva essere indirizzato verso l'esito voluto: bastava non tener conto del risultato, non accettare le richieste di Tsipras e riproporre condizioni peggiori per Atene.

Detto fatto. La cancelliera ha portato a casa il risultato. Tsipras torna a casa sconfitto. Ora dovrà andare in Parlamento. La sua maggioranza si spaccherà. L'ala più radicale di Siryza non appoggerà mai questo piano.

Per alcuni, questa intesa mina la sovranità della Grecia. Per farlo passare (bocciarlo, vorrebbe dire uscita dall'euro), il governo dovrà avvalersi dei voti dell'opposizione, del Pasok e di Nuova Democrazia. "Questo apre le porte a un governo tecnico e forse alle elezioni anticipate entro qualche settimana" - dice ancora Tonia Tsitsovitz. In questo scenario, difficile che Alexis Tsipras possa rimanere ancora in sella.

Se ci fosse un esecutivo di unità nazionale è impensabile che possa essere lui a guidarlo. Più facile che ci possa essere un personaggio vicina all'ala moderata di Siryza. O una personalità con un alto profilo istituzionale. Questa strada conduce a nuove elezioni. In questo quadro è improbabile che Tsipras possa ripresentarsi.  Non avrebbe più la credibilità necessaria. Scenari futuri. Scenari più che probabili.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Grecia: ultimatum di 5 giorni

Crisi Grecia, tutte le date da ricordare

Dal vertice europeo del 5 luglio ai pagamenti da rimborsare. Ecco le scadenze che decidono il salvataggio di Atene

Grecia, il NYT: unica soluzione, cancellare il debito

Lo scrive il quotidiano Usa. Che ricorda ai tedeschi quando venne cancellato il loro dopo la Seconda Guerra Mondiale

Grecia: ecco i tagli di Tsipras

E se la Grecia la salvasse l'America?

Per il Nobel Joseph Stiglitz la Grecia deve uscire dall'euro e affidarsi alla solidarietà statunitense per superare la crisi

Grecia, ecco le proposte di Tsipras per il salvataggio

Punto per punto, le soluzioni individuate dal governo di Atene e sulle quali si pronunceranno i creditori nei prossimi giorni

Grecia: vicino l'accordo con l'Europa

Grecia: accordo lontano ma si tratta ancora

Grecia: trovato l'accordo con l'Europa

Crisi Grecia: il prestito ponte sarà di 40-50 miliardi

A tanto potrebbe ammontare il finanziamento a cui sta lavorando un gruppo di sherpa a Bruxelles. Padoan tranquillizza: "Nessun nuovo esborso per l'Italia"

Commenti