I ministri israeliani hanno deciso di mettere fine all'utilizzo dei metal detector all'ingresso della Spianata delle Moschee (per gli ebrei, il Monte del Tempio): lo ha deciso il gabinetto di sicurezza a Gerusalemme dopo che la misura aveva innalzato quasi al limite la tensione in tutto il Medio Oriente e provocato morti, oltreché proteste tra i musulmani.

L'esecutivo ha detto di aver "accettato la raccomandazione di tutti gli organismi di sicurezza" (anche i servizi segreti ne avevano sconsigliato l'uso) per "sostituire i metal detector con altri sistemi di sorveglianza basati su tecnologia avanzata e altri strumenti".

Non è chiaro a quali tipi di tecnologia si riferisca il governo israeliano, che però all'ingresso dell'area ha già installato le telecamere di video-sorveglianza.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La nuova grande crisi tra Israele e il mondo arabo

Intanto, in Giordania, una vicenda ancora tutta da chiarire, ha aperto una querelle diplomatica tra il governo di Gerusalemme e quello di Amman

Gerusalemme, perché si continua a sparare

Dopo l'attivazione dei metal detector e la chiusura ai giovani palestinesi del Monte del Tempio, la città è ancora teatro di scontri sanguinosi

Gerusalemme, due poliziotti israeliani uccisi dai terroristi: cosa sappiamo finora

Tre arabi-israeliani hanno sparato sugli agenti nella zona sacra del Monte del Tempio/Spianata delle Moschee prima di essere colpiti a morte. Foto, video

Commenti