Esteri

La confederazione internazionale Oxfam, la storia

Specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo, ecco tutto quello che c'è da sapere: dalle origini al recente scandalo

BRITAIN-HAITI-CHARITY-PROSTITUTION

Redazione

-

Non si placa la bufera che si è scatenata su Oxfam, la grande coalizione internazionale, che cerca soluzioni all'ingiustizia della povertà nel mondo, oggi al centro di uno scandalo che riguarda lo sfruttamento della prostituzione e l’abuso di persone in difficoltà.  

Dopo le dimissioni della numero due dell'organizzazione, Penny Lawrence, che si è assunta la "piena responsabilità" per il comportamento dello staff nel corso delle crisi umanitarie in Ciad e ad Haiti, la vicenda non accenna a sgonfiarsi. Ma che cos’è Oxfam e quali sono le sue origini?

Che cos’è Oxfam

La confederazione inglese, formata da 18 organizzazioni non governative che lavorano in 90 Paesi coinvolge più di 3 mila partner no profit, è presente dal 1942 ed è oggi la quarta nel mondo in aiuto umanitario.

Lavorando a contatto diretto con le comunità locali, Oxfam si propone di promuovere lo sviluppo sostenibile soprattutto in quei luoghi dove sono presenti condizioni di assoluta emergenza.

E le modalità sono molteplici: per esempio tramite campagne di sensibilizzazione ed azioni dimostrative a forte impatto emotivo promosse nei Paesi avanzati con l’obiettivo di coinvolgerli, mobilitarli ed educarli proprio sulle cause della povertà globale e dell’ingiustizia. Si ricordano le operazioni di emergenza, in cui Oxfam è stata in grado di fornire in tempi brevi acqua potabile e servizi igienico-sanitari a vaste popolazioni colpite dai conflitti o disastri naturali, come era accaduto proprio nella Repubblica Democratica del Congo, in Pakistan e fino ad Haiti.

Non solo. Rappresentante della società civile nelle più importanti organizzazioni internazionali, dal Fondo Globale per la Lotta all'AIDS al Comitato per la Sicurezza Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite, nel corso degli anni ha contribuito alla nascita di grandi movimenti della società civile, dal Forum Sociale Mondiale alla Coalizione Globale contro la Povertà e alla Campagna Mondiale per l'Educazione.

Quando è nata

L’organizzazione non governativa (Oxfam sta per Oxford Committee for Famine Relief) è nata nel secolo scorso nel Regno Unito come Comitato di Oxford per il Soccorso alla Carestia a opera di un gruppo composto da quaccheri, fedeli di un movimento cristiano appartenente al calvinismo puritano, diverse personalità impegnate nel sociale e una manciata di professori dell'Università di Oxford.

La storia

La prima iniziativa pubblica del Comitato avvenne tra il ‘42 e il ‘43 al fine di inviare aiuti alimentari alla popolazione civile greca ridotta allo stremo dall’occupazione dell'Asse.

Nel dopoguerra, il Comitato usa i quotidiani come mezzo più efficace e veloce per far conoscere le sue attività. Nel 1965 diventa Oxfam adottando ufficialmente l'acronimo Nel corso degli anni, altre organizzazioni umanitarie con sede in Canada, negli Stati Uniti, nel Quebec, in Olanda, Australia, Nuova Zelanda, Francia e in altre nazioni si affiliano alla confederazione.

Cresciuta negli anni oggi è arrivata a contare 17 membri presenti in tutti i paesi G8 e anche in molti dei paesi G20: Messico, India, Cina (Hong Kong), fino in Italia.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Allarme Oxfam, perché in Italia aumenta la diseguaglianza

Nel 2017, secondo gli ultimi dati della Ong britannica, il 20% più ricco degli italiani deteneva oltre il 66% della ricchezza nazionale

Oxfam: Profughi e minori, la grande fuga dai centri di accoglienza

Sono sempre di più i bambini che arrivano in Italia non accompagnati. Moltissimi fanno perdere le tracce. La denuncia della Ong

#sfidolafame: Oxfam per l'obiettivo "fame zero"

La quarta edizione di "Women's circle" organizzata dalla ong. Buy, Mezzogiorno, Gifuni commuovono il pubblico con letture sulla migrazione

Oxfam: "A Mosul 1,2 milioni di civili in trappola" - Foto

L’emergenza nel nord dell’Iraq e la corsa contro il tempo delle agenzie umanitarie per salvare le vite degli sfollati

Commenti