Redazione

-

Da quando il presidente americano Donald Trump e la sua amministrazione hanno deciso di considerare Gerusalemme unica capitale di Israele e di spostare lì l'ambasciata americana da Tel Aviv (in data ancora da definire), sono ripresi gli scontri tra israeliani e palestinesi nelle terre di Gerusalemme, Betlemme e in tutti i territori contesi.

La decisione unilaterale americana ha diviso subito il fronte internazionale. La Ue si è dichiarata contraria a Gerusalemme capitale così come la Turchia di Erdogan si è fatta capofila degli interessi dei paesi musulmani. Ridotti i finanziamenti all'Onu, che si è opposta alla decisione americana, gli Usa hanno così acuito le tensioni a livello internazionle sugli interessi geopolitici intorno a una delle zone del mondo più dilaniate delle storia.

E che ora conosce una nuova ondata di scontri come mostrano le immagini in alto.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gerusalemme è sempre stata la capitale di Israele

Parla l'ambasciatore israeliano in Italia: l'annuncio del trasferimento dell'ambasciata Usa è un atto audace, ma non innovativo

Gerusalemme, Trump ha già abbandonato l'idea dell'accordo di pace

La decisione sulla capitale di Israele rivela velleità e inesperienza del team che avrebbe dovuto occuparsi di portare a casa "l'accordo del secolo"

Ambasciata Usa a Gerusalemme: e se Trump avesse ragione?

Finora la teoria dei due popoli-due stati non ha certo portato alla pace. E il rischio di nuovo terrore non è cosa nuova per gli israeliani

Commenti