Isis: Jihadi John minaccia il Regno Unito

"Tornerò e taglierò di nuovo delle teste". Così il boia dell'Isis in un video a volto scoperto

Il giornalista americano James Foley decapitato il 19 agosto 2014 da Jihadi John

Redazione

-

"Tornerò nel Regno Unito con il Califfo e taglierò di nuovo delle teste". Queste le parole di Jihadi John, il boia dell'Isis comparso in diversi video di decapitazioni di ostaggi, secondo quanto diffuso dal Daily Mail nella sua versione online. Il giornale britannico spiega di aver ottenuto quello che viene definito il primo video in cui il boia appare a volto scoperto. Il video sarebbe stato girato all'intelligence bulgara da un ribelle che vive in Bulgaria: a lui le immagini, girate in Siria circa due mesi fa, sarebbero arrivate sul telefonino.

 

Il video di Jihadi John, il cui vero nome sarebbe Mohammed Emwazi, 27enne londinese, è di 8 secondi ma, spiega il giornale, la versione originale durerebbe 1 minuto e 17 secondi. Nel filmato si vede il giovane con un cappuccio sulla testa ma con il volto scoperto. Il Daily Mail sarebbe in possesso anche di un estratto audio mentre nel video il giovane non parla, guarda in camera e poi verso il deserto.

A diffondere il video sarebbe stato un ribelle conosciuto come Abu Rashid. Il Daily Mail spiega che a riportare le parole di Jihadi John sarebbe stato un attivista di Free Syrian Army, che avrebbe visto l'intero filmato. Riportando le parole del boia avrebbe spiegato al quotidiano che l'uomo nel video diceva: "Io sono Mohammed Emwazi. Tornerò nel Regno Unito". Poi, l'attivista avrebbe aggiunto: "L'uomo ha detto qualcosa sul tagliare le teste. 'Noi uccideremo i kuffar'", che sarebbero gli 'infedeli'.

Il Daily Mail specifica che nel video solo audio in suo possesso si sente chiaramente Jihadi John dire, con accento inglese: "Tornerò a tagliare teste". L'ultima apparizione dell'estremista risale a gennaio quando fu diffuso il video dell'esecuzione di Kenji Goto, ostaggio giapponese. Il video sarebbe stato girato nei pressi di Deir Ezzor, nella Siria sud-orientale.

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti