Redazione

-

Secondo il generale Najim al Jubury, capo delle operazioni militari nella provincia di Ninive, le forze congiunte irachene governative e curde sono giunte oggi a circa 3 chilometri dalla periferia est di Mosul, la roccaforte dell'Isis in Iraq, mentre sul fronte meridionale le forze lealiste sono ancora impegnate in combattimenti per strappare all'Isis la città di Shura.

LEGGI ANCHE: La battaglia per riconquistare Mosul

Nei giorni scorsi, con la riconquista di decine di città e villaggi a prevalenza cristiani situati a sud di Mosul, le forze che combattono i seguaci di Abu Bakr al Baghdadi nel nord dell'Iraq si sono trovate di fronte a numerose chiese profanate, devastate e trasformate dai jihadisti in postazioni difensive.

Come ci mostrano le immagini della gallery, in particolare a Bartella, città cristiana strategica per l'avanzata delle forze curdo-irachene, l'Isis ha messo a soqquadro la chiesa ortodossa di Mart Shimony. I miliziani del gruppo "Stato Islamico" hanno divelto le croci e sfondato le cassette dove erano conservati i soldi delle elemosine. Nella chiesa sono state allestite ridotte difensive: tra le macerie restano ancora le postazioni per il lancio di razzi artigianali.

"Sono notizie terribili, ma l'avanzata dei soldati ci dà nuova speranza", ha detto all'ANSA fratello Basim, originario di Bartella, da due anni con lo status di profugo a Erbil. "La gran parte dei militari che stanno liberando le nostre città - continua - sono musulmani. Ne abbiamo visti tanti che portano rispetto per la croce, le prendono in mano e cercano di rimetterle a posto. È un bel messaggio di pace".

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Iraq, la lunga battaglia per strappare Mosul all'Isis - Foto

Cronache e immagini dell'operazione militare lanciata il 17 ottobre 2016 e conclusasi il 9 luglio 2017 con l'annuncio della "liberazione" da parte del premier al Abadi

Isis: l'importanza strategica della battaglia di Mosul

L'offensiva per riprendere la capitale irachena dello Stato Islamico determinerà i destini dell’Iraq e della guerra

Oxfam: "A Mosul 1,2 milioni di civili in trappola" - Foto

L’emergenza nel nord dell’Iraq e la corsa contro il tempo delle agenzie umanitarie per salvare le vite degli sfollati

Dopo la battaglia di Mosul: le ambizioni di Turchia e Iran sull'Iraq

Mentre Baghdad può sperare di liberarsi dall'ISIS e ricomporre un paese in pezzi, Ankara e Teheran tentano il controllo su un territorio strategico

Commenti