India, perché l'Assam vuole espellere quattro milioni di persone

Il governatore dello Stato usa un provvedimento del 1985 che consente di cancellare la cittadinanza agli immigrati musulmani irregolari o presunti tali

india-islam-assam

Musulmani indiani in preghiera – Credits: BIJU BORO/AFP/Getty Images

Claudia Astarita

-

Quattro milioni di indiani questa settimana si sono svegliati in un incubo: con un tratto di penna, il governatore dello stato dell'Assam, uno delle "Sette Sorelle" dell'India orientale, ha tolto loro la cittadinanza, e ora rischiano di essere deportati. Le autorità locali parlano senza vergogna ai microfoni della BBC di una "prossima espulsione", ma nessuno si prende la briga di anticiparne i dettagli.

Perché l'Assam ha scelto la strada della deportazione

Tra i tanti passaggi sanguinosi che hanno segnato il processo di decolonizzazione in Asia meridionale, uno che fu segnato da particolari atrocità fu la secessione del Bangladesh dal Pakistan, che avvenne nel 1971 con l'appoggio delle truppe indiane.

Nonostante gli anni trascorsi, si tratta di una ferita ancora aperta: per sfuggire alle violenze, fiumane di persone si riversarono in territorio indiano, confidando di trovare protezione.

Milioni di profughi si stabilirono nell'Assam e il flusso umano non si è arrestato nei decenni successivi al conflitto, provocando scontri con la popolazione locale. L'Assam non è una regione ricca e la sua collocazione periferica rispetto alla Penisola indiana non ne ha favorito lo sviluppo; inoltre la presenza di una minoranza così consistente e composta in gran parte da fedeli musulmani (34 per cento) non ha contribuito alla stabilità regionale.

La crisi che ha portato alla decisione finale

La situazione torna periodicamente alla ribalta, anche perché viene strumentalizzata dai politici indiani. Ora torna a galla un provvedimento adottato nel 1985, quando, a seguito di una fase di elevata tensione, l'allora Primo Ministro Rajiv Gandhi siglò un'intesa con le fazioni estremiste dell'Assam impegnandosi a rispedire in Bangladesh coloro che non fossero stati in grado di provare il loro ingresso prima del conflitto del '71.

A distanza di oltre trent'anni, l’iniziativa sembrava destinata a rimanere in un cassetto, ma ora è stato pubblicato un elenco di residenti legittimi in Assam dal quale sono rimaste fuori quattro milioni di persone. Negli ultimi tempi le migrazioni dal Bangladesh sono ricominciate, e così il governo nazionalista dell'Assam ha colto la palla al balzo per far aggiornare i registri dell'anagrafe e "liberarsi" di tutti coloro che non possono dimostrare di essere arrivati prima del '71. E la pur pachidermica macchina amministrativa indiana si è già messa in moto: un migliaio di persone, naturalmente tutti musulmani, sono state sottoposte al giudizio di corti speciali e internate in campi di detenzione.

Il precedente dei Rohingya

Sono tante le organizzazioni per i diritti umani che hanno denunciato la scelta dell'Assam come discriminatoria e orientata a mettere in difficoltà la componente musulmana della popolazione. Impossibile non citare il precedente dei Rohingya, il cui calvario è iniziato nel 1982, quando il governo del Myanmar decise di togliere loro la cittadinanza dando il via a persecuzioni violente che hanno portato all'esodo di massa di cui siamo stati tutti spettatori indifferenti e silenziosi.

Cosa succederà in India

Cosa potrebbe succedere adesso? Apparentemente impensabile, ma non del tutto impossibile, ipotizzare che New Delhi voglia espellere un abitante dell'Assam su otto. Difficile, tuttavia, una plateale marcia indietro, soprattutto a ridosso di elezioni in cui il partito al potere, il BJP, si appresta a sfornare il classico armamentario nazionalista.

Più probabile che la questione divenga materia per la campagna elettorale del Primo Ministro uscente Narendra Modi, che si prospetta particolarmente muscolare. Il rischio, tuttavia, è che questa sorta di sovranismo all'indiana possa ritorcersi contro la gente comune: non di rado, nel recente passato, le tensioni interetniche ed interreligiose indiane si sono trasformate in carneficine. Di fronte alle quali, e ancora una volta il caso Rohingya ha tanto da insegnare, l'Occidente ha la pessima abitudine di voltare le spalle.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Myanmar, non solo Rohingya: il genocidio invisibile nel Kachin cristiano

Nel nord del Paese va in scena una guerra ignorata dalla comunità internazionale, con i civili intrappolati tra soldati e ribelli e presi di mira

Myanmar, i dati che dimostrano che Facebook ha fomentato l'odio verso i Rohingya

Sul social network si è diffusa una vera e propria una campagna diffamatoria, con post "militarizzati" scritti da nazionalisti contro la minaccia islamica

Rohingya: bambine in fuga, schiave del sesso

Scappate dalla persecuzione del Myanmar, in Bangladesh sono vittime dello sfruttamento sessuale e della prostituzione minorile

La storia dell'etnia Uiguri, i Rohingya della Cina

Schedatura di massa con impronte digitali, scansione dell'iride e prelievo del DNA, in quella che è chiama la "prigione all'aria aperta" della Cina

Perché i Rohingya in Myanmar sono vittime di un genocidio

La persecuzione della minoranza musulmana del Myanmar ha tutte le caratteristiche che configurano giuridicamente questo specifico crimine contro l'umanità

Rohingya, le parole di Francesco per i musulmani perseguitati in Myanmar

Il pontefice in ginocchio davanti a 16 profughi: La presenza di Dio si chiama anche Rohingya. Stiamo vicino a loro perché siano riconosciuti i loro diritti

Myanmar: chi sono i Rohingya, minoranza musulmana perseguitata

Privati della cittadinanza, rifiutati da tutti, rappresentano l'ombra più scura della Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi

Myanmar, i Rohingya schiacciati fra repressione etnica e guerriglia

I miliziani dell'Arsa contribuiscono ad aggravare la condizione della minoranza musulmana che vive nello stato occidentale dell'Arakan

Rohingya: come fermare la pulizia etnica

Accanirsi contro Aung San Suu Kyi è inutile. Bisogna dialogare coi militari coinvolgendo anche Cina, India e Bangladesh

Dal Myanmar al Bangladesh: la tragedia in mare dei Rohingya in fuga - Foto

Erano in 130, quasi tutti donne e bambini, si sono salvati in 4. Intanto il governo birmano nega la pulizia etnica e contesta l'allarme lanciato dall'Onu

Commenti