Rita Fenini

-

Mentre negli Usa imperversa l'uragano Forence,  alcune zone delle Filippine e della Cina sono devastate dall'arrivo del tifone Mangkhut, che, dopo aver provocato la morte di almeno una settantina di persone nell'arcipelago filippino (dove la conta dei danni e delle vittime è ancora in corso) e lasciato una pesante scia di distruzione a Hong Kon e Macao, si sta abbattendo sulla Cina continentale.

Catalogato come categoria 3 nella giornata di Domenica 15 settembre e subito declassato a tempesta tropicaleMangkhut sta mettendo a dura prova tutta la provincia del Guangdong, dove almeno mezzo milione di persone erano già state evacuate  e messe in sicurezza a scopo precauzionale.

Nelle zone interessate dalla furia della tempesta, interi quartieri allagati, scoperchiati tetti, divelti alberi secolari. Chiuse scuole ed uffici pubblici. Sospesi autobus, traghetti e servizi ferroviari, mentre nell'aeroporto internazionale di Chek Lap Kok - uno dei più trafficati al mondo - sono stati cancellati quasi 900 voli

Secondo quanto scrive il "South China Morning Post",  le numerose interruzioni di energia hanno interessato anche gli ospedali di Hong Kong, costretti ad utilizzare l'energia di riserva

Nelle prossime ore la tempesta si sposterà più all'interno, verso le provincie di Guangxi e Guizhou, dove sono previste (e temute) precipitazioni molto intense



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Usa, l'arrivo dell'uragano Florence: vittime e danni - FOTO

Ha investito la costa atlantica degli Stati Uniti con forti venti e piogge intense. Sale a a 18 il bilancio dei morti

Commenti