Hillary Clinton sta bene e ha uno stato di salute che le permette tranquillamente di servire come presidente degli Stati Uniti. Parola del medico curante della candidata democratica, autrice della cartella clinica che è stata diffusa dalla campagna elettorale della ex first lady. Dentro tutti i risultati degli ultimi esami da lei compiuti, dopo che le è stata diagnosticata la polmonite e dopo il malore di domenica scorsa a Ground Zero.

La salute di Trump

Qualche ora prima era stato il rivale Donald Trump a presentare i risultati dei suoi ultimi esami clinici nel corso della registrazione di una trasmissione televisiva, il "Dr.Oz Show", sulla Nbc. Per i dettagli sullo stato di salute del tycoon bisognerà aspettare però le prossime ore, quando lo show andrà in onda. Ma dalle indiscrezioni il candidato repubblicano sarebbe sovrappeso e terrebbe sotto controllo colesterolo e pressione attraverso l'assunzione di farmaci.


I sospetti

La mossa di Clinton era attesa da settimane, dopo che in agosto la campagna di Trump era tornata alla carica sostenendo che Hillary fosse malata. Anche per via di quella tosse che ultimamente l'aveva perseguitata durante i comizi, e inizialmente attribuita a un'allergia. Ma la pubblicazione delle sue informazioni cliniche si è resa necessaria dopo lo svenimento di domenica e la polemica per la presunta mancanza di trasparenza da parte della sua campagna, che aveva nascosto la polmonite diagnosticata alla Clinton venerdì scorso.

Il parere medico


La candidata democratica, 68 anni, "resta sana ed adatta" per ricoprire la carica di presidente, scrive il medico curante, la dottoressa Lisa Bardack, sottolineando come l'ex first lady si stia ancora riprendendo da una "leggera polmonite". Per debellare i batteri della malattia - che in questa forma "non è contagiosa" - l'ex first lady è stata sottoposta a una cura di 10 giorni a base di antibiotici. Gli esami fisici compiuti vengono quindi definiti "normali", così come "eccellenti" vengono descritte le condizioni psichiche.

Chiaramente le è stato ordinato del riposo, anche se Clinton dovrebbe tornare già in pista nella serata di oggi, a Washington.

Pesa oltre 121 chili per 1 metro e 84 di altezza, invece, Donald Trump, 70 anni, che assumerebbe regolarmente le statine per abbassare il livello di colesterolo e la pressione sanguigna. Mehemet Oz, controverso medico che conduce il 'The Dr. Oz Show', avrebbe quindi giudicato Trump "leggermente sovrappeso". Anche se - sottolineano alcuni media americani tra cui il New York Times - il rapporto tra il peso e l'altezza del tycoon indica una massa corporea considerata dal National Institutes of Health "obesa". Nelle carte di Trump non ci sarebbero comunque prove di attacchi cardiaci in passato e l'elettrocardiogramma rivelerebbe valori normali. Così come non ci sarebbero tracce riconducibili ai sintomi dell'Alzheimer, la malattia di cui soffrì il padre del tycoon. Rimproverato per il poco esercizio fisico, Trump avrebbe confessato di voler dimagrire almeno sette chili.(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti