Simona Santoni

-

RaqqaHoms, Aleppo... E l'elenco di città siriane strappate ai ribelli dalle truppe governative di Bashar al-Assad ma distrutte da intensi bombardamenti aerei (anche russi) potrebbe continuare a lungo. Dopo sette anni di raid e artiglieria, la guerra civile in Siria sembra non finire e accumula macerie e morti, morti e macerie. 

Ad Aleppo, la "capitale del Nord" a metà strada tra il mare e l'Eufrate, ora si comincia a parlare di ricostruzione, per mano di un'iniziativa internazionale che vuole rimettere in piedi il cuore antico della città, a cominciare dal suk, che era il più grande del mondo. 

Intanto i giovani di Aleppo riportano vita per le strade della città, martoriato patrimonio dell'Unesco, con il parkour: attraverso il paesaggio urbano devastato si lanciano in salti, capriole, corse, arrampicate. Mancando strutture e attrezzature appositite per lo sport, come le protezioni per attutire le cadute, gli atleti rischiano anche lesioni gravi. Una sfida ulteriore: contro gli ostacoli urbani e contro i resti della guerra.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Guerra in Siria, l'attacco che ha colpito gli iraniani

Missili "non identificati" sono caduti su due basi militari del governo siriano. Ci sarebbero parecchi morti fra i miliziani iraniani. Israele dice di non essere al corrente di nessun attacco. Secondo altre fonti, il colpo arriverebbe da Stati Uniti e Gran Bretagna

Siria, Ghouta: attacco chimico su Duma. Cosa sappiamo finora

Damasco avrebbe sganciato una bomba al cloro. Almeno 70 morti e 500 persone intossicate. Trump pronto a lanciare missili

Siria, l'interventismo della Francia di Macron

Il presidente nel solco di Sarkozy e dell'Atlantismo oltranzista non rinuncia al mito della grandeur nonostante i rischi di un’escalation militare

Perché Israele attacca le basi di Assad in Siria

Tel Aviv tiene nel mirino il crescente ruolo dell'Iran nel paese e il suo disegno egemonico in tutto il Medio Oriente: una minaccia mortale alla propria sicurezza

Commenti