Michele Zurleni

-

Per risolvere la crisi greca, la ricetta è semplice : si deve cancellare parte o l'intero debito di Atene. E'un'opzione impossibile ?

Al contrario: è la soluzione migliore per evitare catastrofi peggiori. In America sono in molti a pensarlo. Prima tra tutti Obama. E poi molti economisti. E ora, anche i media liberal si sono accodati.

Il New York Times contro il debito

La Storia ci ha insegnato che questa è l'unica vera strada da seguire quando il peso di un debito contratto rischia di annientare le energie di un intero popolo.

Il New York Times lo ha ricordato ai tedeschi: se nel 1953 non fosse stato dimezzato il debito che la Germania aveva accumulato a causa della Seconda Guerra Mondiale e, che fine avebbe fatto la rinascita economica tedesca? Probabilmente, la locomotiva tedesca non sarebbe mai ripartita.

Più esplicito di così l'articolo del prestigioso quotidiano statunitense non poteva essere. Partiamo dal titolo: "I tedeschi hann dimenticato la lezione del Dopoguerra nella crisi del debito estero".

E poi la foto, quella foto di Hermann Josef Abs, capo delegazione della Repubblica Federale di Germania che il 27 febbraio 1953 siglava quela patto che dimezzava il debito tedesco.

Possibile che i tedeschi non si ricordino quello che è avvenuto, si chiede l'articolo? Possibile che non abbiano imparato nulla dalla lezione di quella storia?

Il pagamento dei debiti dopo la Prima Guerra Mondiale aveva ridotto in povertà un'intera nazione e aveva aperto la strada al Nazismo. La cancellazione del debito nel secondo dopoguerra aveva impedito che la Germania cadesse nella spirale in cui l'intero paese era caduto negli anni'30.

Una questione morale

Non solo. In questa situazione, secondo il New York Times non esiste alcuna questione morale, come dicono i tedeschi, nel mancato pagamento del debito. La questione morale, al contrario, risiede nell'idea punitiva che i greci debbano pagare a tutti i costi per le loro malefatte.

Gli economisti l'hanno capito. I politici americani un poco. Quelli europei, non l'hanno capito. Tomas Piketty, invece, è uno di coloro che pensa che Berlino dovrebbe cambiare atteggiamento.

L'autore del "Capitale nel xxi'° Secolo" ha detto chiaro e tondo che la Germania che vuol dare lezioni alla Grecia, in realtà, non ha mai pagato i suoi debiti.

Rispondendo a una intervista alla rivista Die Zeit, l'economista francese, ripercorre la storia dell'ultimo secolo. Berlino non può dare lezioni ad Atene, visto i trascorsi.

Gli obiettivi Usa

Le analisi di alcuni econonomisti di sinistra sono simili. Negli Usa, sono condivise dall'amministraziione Obama. Il presidente vorrebbe un taglio del debito greco perché ha il timore che Atene esca dall'euro e entri nell'area di influenza della Russia.

Per l'Europa e gli Usa sarebbe un disastro. Non sarebbe meglio allora tagliare o cancellare il debito della Grecia invece che spingerla fuori, o vederla uscire, dall'Euro ?


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L’unico accordo possibile tra la Grecia e i creditori

Tutto il mondo guarda a un’intesa dell’UE con Atene che eviti il default e l’uscita dall’euro. Più di tutti, però, a sperare sono gli Stati Uniti

La verità sul sistema pensionistico in Grecia

L'età pensionabile ufficiale è nella media Ue. Ma ci sono 580 professioni "usuranti", tra cui parrucchieri, anchormen e bancari, che smettono a 50 anni

FMI: "L'Italia è in ripresa, ma la Grecia rischia di danneggiarla"

La Grecia non scopre le carte, Europa furiosa

Tsipras e il nuovo ministro Tsakalotos si presentano all'Eurogruppo senza un piano. Austria e Lussemburgo pronte ad un prestito-ponte

Grecia: ultimatum di 5 giorni

Crisi Grecia, tutte le date da ricordare

Dal vertice europeo del 5 luglio ai pagamenti da rimborsare. Ecco le scadenze che decidono il salvataggio di Atene

Crisi Grecia: il prestito ponte sarà di 40-50 miliardi

A tanto potrebbe ammontare il finanziamento a cui sta lavorando un gruppo di sherpa a Bruxelles. Padoan tranquillizza: "Nessun nuovo esborso per l'Italia"

Commenti